Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Madonie, la Regione va verso l'abbattimento dei daini
«Sono troppi e causano continui danni agli agricoltori»

Ieri l'assessore al Territorio Toto Cordaro ha annunciato la ricezione di un parere favorevole all'attuazione di un piano di contenimento. Nel parco il numero degli esemplari è di circa diecimila. Wwf: «Un errore introdurli, ma ora vanno cercate alternative»

Simone Olivelli

Si va verso la cattura e l'abbattimento dei daini sulle Madonie. La richiesta, che nei mesi scorsi era stata rigettata dal comitato regionale per la protezione del patrimonio naturale (Crppn), ha trovato esito positivo la scorsa settimana. A darne notizia, ieri, è stato l'assessore al Territorio Toto Cordaro. «Una strategia che mira a limitare gli ingenti danni provocati dal proliferare incontrollato di questa specie», ha commentato l'esponente della giunta Musumeci parlando del piano di contenimento che sarà varato dalla Regione. 

Quello dei daini all'interno del Parco delle Madonie è un fenomeno che negli anni si è tramutato in problema per le aziende agricole del territorio. «Sono animali che riescono a danneggiare le coltivazioni e in questo senso da tempo diversi imprenditori agricoli ci avevano fatto presente di essere pronti a proteste vibranti», commenta a MeridioNews il direttore del Parco Rosario Lazzaro, aggiungendo che le particolari caratteristiche dell'animale fanno sì «che anche le recinzioni servano a poco, dato che riescono a saltarle». A far mutare il parere del comitato chiamato a esprimersi sull'opportunità di pianificare il contenimento della specie avrebbe inciso un parere dell'Ispra. «L'istituto ha messo nero su bianco come il daino non rappresenti una specie autoctona del territorio», sottolinea il direttore del Parco.

In effetti la comparsa dell'animale, che rappresenta una delle attrazioni offerte ai visitatori che si addentrano tra i monti palermitani, va rintracciata nei decenni passati. Intorno agli anni Ottanta. Un'iniziativa che - un po' come accaduto con i cinghiali, altra specie la cui gestione negli ultimi anni è stata al centro di polemiche - sarebbe legata a un'iniziativa portata avanti dal Corpo forestale e che, con il tempo, si sarebbe rivelata errata. Questo almeno è il parere del Wwf. «Non è stata di certo un'idea geniale - dichiara a MeridioNews il responsabile Fauna Ennio Bonfanti -. Sono animali che si riproducono con facilità e, considerata la dimensione contenuta delle superfici boschive della Sicilia, spesso finiscono in zone in cui è presente l'uomo». 

Tuttavia, per l'associazione animalista, quella dell'abbattimento non dovrebbe essere la prima opzione da seguire. «La legge dice che all'interno di un parco non si dovrebbe sparare mai, quando si possono percorrere soluzioni alternative - continua Bonfanti -. In attesa di leggere cosa prevede questo piano di contenimento, il nostro timore è quello che si scelga di abbattere gli animali andando incontro ai desiderata del partito dei cacciatori. Senza valutare possibilità come l'uso di recinti elettrificati». Un altro tema riguarda l'uso delle carni degli esemplari che saranno abbattuti. «Non vorremmo che questa necessità di intervenire possa trasformarsi in un piccolo business», conclude Bonfanti.

Dal Parco, intanto, viene ribadita l'esigenza di fare qualcosa. «Parliamo di circa diecimila daini - prosegue Lazzaro - ma al di là del numero a incidere in particolar modo è la densità. In alcune aree se ne trovano anche duecento in un chilometro quadrato». Il direttore spiega poi che a poter sparare saranno, così come previsto dalla legge, solo i cacciatori che risiedono nelle aree del Parco. «Come prima azione credo opteremo per la cattura nei recinti, a cui seguiranno le analisi del caso; ma è probabile che verrà anche autorizzato l'abbattimento da parte dei cacciatori», conferma Lazzaro. 

«Intervenire significa disinnescare problemi di ordine sociale che rischiano di diventare davvero gravi - ha detto ieri l'assessore Cordaro -. L'obiettivo è quello di raggiungere numeri ecologicamente più sostenibili, ristabilendo finalmente un corretto equilibrio tra le esigenze della fauna, della popolazione locale e, ovviamente, del nostro patrimonio naturale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×