Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il disinnesco dell'ordigno bellico al porto di Palermo
Tra misure anti Covid, evacuazioni, si ferma la città

Centinai di famiglie costrtte a passare la mattina fuori casa, mentre i militari del genio guastatori si occupano della bomba del peso di 600 libbre, che verrà fatta brillare in una cava nel territorio di Torretta

Gabriele Ruggieri

Una domenica insolita per centinaia di famiglie palermitane, costrette a lasciare per una mattina le proprie abitazioni durante le operazioni di recupero e disinnesco di una bomba della seconda guerra mondiale trovata durante i lavori dell'anello ferroviario al porto di Palermo. I militari del genio guastatori hanno liberato e sollevato l'ordigno, che verrà smontato, con la spoletta che sarà fatta brillare nella casamatta realizzata sul posto, mentre la parte con l'esplosivo verrà portata nella cava di Pian dell'Aia a Torretta. L'operazione più difficile, tuttavia, è stata quella di fare evacuare tutte le famiglie nel raggio di cinquecento metri dal punto in cui è stata rinvenuto l'ordigno, da oltre 600 libbre, con le forze dell'ordine impegnate nelle operazioni. 

Le operazioni di evacuazione sono iniziate alle 6 del mattino nella cosiddetta zona rossa, i cui accessi sono stati e sono tutt'ora presidiati dalla polizia municipale. «Le operazioni si sono svolte in maniera tranquilla e ordinata - fanno sapere dal Comune -. Soltanto in pochi casi le forze dell'ordine hanno accompagnato all'esterno della zona rossa alcuni nuclei familiari». Oltre che con le forze dell'ordine, l'intera operazione si sta svolgendo con l'ausilio di volontari e della protezione civile, circa 180 quelli in forza al Comune di Palermo. Questi fino alle 9:30, in via del tutto precauzionale, hanno verificato la presenza di persone all'interno delle abitazioni della zona rossa. 

Sono state circa 500 le persone che hanno usufruito dei mezzi messi a disposizione dell'Amat ed accompagnate presso il punto di raccolta all'interno dello stadio Renzo Barbera, mentre una ventina di persone con disabilità sono state accompagnate presso il secondo punto di raccolta al Pala-Uditore. Nessuna persona al Pala-Oreto, la struttura è dunque rimasta chiusa. All'interno della zona rossa sono rimaste le forze dell'ordine in funzione di servizio antisciacallaggioLe persone in quarantena volontaria o in isolamento per Covid-19 trasferiti in totale sono state sette. Di questi solo due positivi, che sono usciti già ieri e sono stati al San Paolo.

- Aggiornamento ore 16.15

L'ordigno è stato fatto brillare.

- Aggiornamento ore 14.20. 

La bomba ormai inerte viene portata fuori città per il brillamento. La popolazione può fare rientro alle proprie abitazioni in zona rossa. 

- Aggiornamento ore 13.00.

Alle 13 è terminato il taglio della calotta della bomba. Si procede all'ispezione della parte aperta e poi il despolettamento e il brillamento della spoletta. La parte contenente il tritolo, invece, sarà messa in sicurezza, caricata su un mezzo e trasportata alla cava di Torretta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×