Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, Saraniti conosce la ricetta vincente
«Serve un corpo unico: squadra, club e tifosi»

Dopo le promozioni ottenute con Lecce e Vicenza, l'attaccante classe 1988 tenterà il tris con la maglia rosanero. La casacca della squadra della sua città: «Sono fiero e orgoglioso di essere qui. L'anno scorso il matrimonio non si è concretizzato ma ho chiarito i motivi con la società»

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Ricciardo ceduto al Seregno, Sforzini uscito dai radar. In attesa di novità sul fronte mercato, in questo momento spetta al neo-acquisto Andrea Saraniti contendersi con Lorenzo Lucca il ruolo di prima punta del Palermo: «La competizione fa molto bene e io sono assolutamente tranquillo – ha ammesso dal ritiro di Petralia Sottana l’attaccante classe 1988 – io, peraltro, sono compatibile con quasi tutti gli attaccanti e mi adatto senza problemi a tutti i ruoli. Faccio ciò che mi chiede il mister e lo faccio volentieri perché è il mio lavoro, perché è giusto che sia così e perché so che devo dare sempre il massimo per la squadra. E a proposito di Lucca, ritengo che Lorenzo sia un ottimo giocatore. Ha notevoli margini di miglioramento e tutti i requisiti per diventare un attaccante veramente bravo».

Il fatto che Saraniti sia palermitano può essere un quid in più nell’ambito di una squadra che, secondo i desiderata del tecnico Boscaglia, al di là dell’aspetto tecnico deve avere anche determinate qualità morali: «L’anno scorso, complice la categoria, non ho indossato la maglia del Palermo per dinamiche personali e familiari che ho chiarito con la società e che preferisco non rivelare in pubblico. Adesso, in ogni caso, sono qui e sono fiero e orgoglioso di vestire la casacca della squadra della mia città. Sono l’Andrea Saraniti di sempre. Anche se sono maturato grazie anche ai compagni con i quali sono stato a contatto durante il mio percorso, ho la fame che mi ha sempre contraddistinto». E che, a prescindere dal minutaggio, lo ha aiutato nelle ultime due stagioni a conquistare due promozioni: con il Lecce dalla B alla A e con il Vicenza, squadra in cui ha giocato in prestito nel 2019/20, dalla C alla serie cadetta: «Ho imparato che si vince solo se tutte le componenti sono unite e mi riferisco alla squadra, alla società, allo lo staff e ai tifosi. Per quanto mi riguarda, non mi sono posto obiettivi a titolo personale. La mia priorità è fare bene per il gruppo. Viene prima di tutto il collettivo, l’obiettivo della piazza, della città e del club e poi, in un secondo momento, potrei pensare anche ad eventuali obiettivi personali. Boscaglia? Già in passato aveva manifestato interesse nei miei confronti. Il matrimonio non si è concretizzato e adesso, invece, ci ritroviamo qui con il Palermo. E’ un ottimo allenatore e ho tanto da imparare da un tecnico come lui». Lo dice con la stessa umiltà con la quale ammette di avere dei modelli ai quali si ispira: «Luca Toni è stato uno dei simboli del Palermo degli ultimi quindici anni ma, sembrerà strano, il mio punto di riferimento è Andrea Caracciolo (attaccante rosanero dal 2005 al 2007 in serie A, ndr). L’ho visto giocare anche recentemente con la Feralpisalò e ancora una volta mi ha fatto un’ottima impressione».


Oltre 5 mila tifosi, intanto – informa il club targato Hera Hora – sul sito ufficiale hanno votato il loro undici ideale attingendo dal serbatoio che comprende tutti i giocatori della storia rosanero. Ecco la formazione, che sarà visibile in un’area speciale celebrativa allestita presso il museo del Palermo la cui apertura è in programma al Barbera il prossimo 1 novembre in concomitanza con il 120esimo anniversario dalla prima fondazione della società. Il modulo, senza distinzioni di posizione nel singolo reparto, è un ipotetico 3-4-3: Sorrentino; Balzaretti, Barzagli, Grosso; Ilicic, Corini, Pastore, Zauli; Dybala, Toni, Miccoli. Allenatore: Guidolin.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×