Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

'Ndrangheta stragista, ergastolo per Giuseppe Graviano
«Sentenza storica su una delle vicende più oscure»

Il boss di Brancaccio condannato insiei carabinieri Antonio Fava e Giuseppe Garofalo, uccisi in un'agguato sulla Salerno-Reggiocalabria, nei pressi dello svincolo per Scilla il 18 gennaio del 1994. Il pm: «Penso che sia il momento di raccontare fino in fondo qual e' stato il ruolo della mafia calabrese nelle stragi dei Novanta»

Redazione

Negli anni Novanta le stragi non furono soltanto un'esclusiva mafiosa. Lo dice la storica sentenza del processo sulla 'ndrangheta stragista, che dopo tre anni si è concluso con la condanna all'ergastolo per il boss calabrese Rocco Filippone, insieme al palermitano Giuseppe Graviano, ex capo mandamento di Brancaccio. Una sentenza quella emessa dai giudici della Corte d'assiste di Reggio Calabria, che riscrive anni di storia e che adesso dice che la 'ndrangheta aiutò Cosa nostra nella sua lunga campagna di sangue e terrore

Secondo l'accusa, sostenuta dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo, il boss calabrese e quello palermitano, sarebbero stati i mandanti di tre attentati nei confronti di pattuglie dell'Arma dei carabinieri, nel periodo tra il 1993 e il 1994. Una propaggine della strategia della tensione voluta da Totò Riina. Strategia che si tradusse con due morti: i carabinieri Antonio Fava e Giuseppe Garofalo, uccisi in un'agguato sulla Salerno-Reggiocalabria, nei pressi dello svincolo per Scilla il 18 gennaio del 1994.

«L'inchiesta - dice il procuratore reggino Giovanni Bombardieri - è servita a ricostruire una delle vicende più oscure della storia giudiziaria del nostro Paese. Finalmente si capisce come la morte di quei poveri militari, cosi' come il ferimento degli altri carabinieri nel '93 e nel '94, non sia stato un imprevisto o un caso ma apparteneva a un disegno più ampio e vedeva coinvolte la 'ndrangheta reggina unitamente a Cosa nostra siciliana. La 'ndrangheta non è mai stata considerata per quello che realmente e'. Il processo di oggi dimostra che il livello è questo».

A nulla sarebbero serviti dunque i tentativi di Giuseppe Graviano di spostare l'attenzione del discorso su altri temi, dai rapporti con Silvio Berlusconi alla propensione del boss di Brancaccio verso l'ambiente, tanto da essere chiamato dai suoi con il nomignolo di Madre Natura. Una madre gentile, che avrebbe evitato, con il suo esporsi in prima persona, che il Palermitano venisse trasformato in una nuova terra dei fuochi.  La sentenza di ieri, arrivata dopo tre giorni di camera di consiglio, non è tuttavia un punto d'arrivo, ma di partenza e getterà le basi per una ulteriore azione giudiziaria. «Speriamo - commenta il pm Giuseppe Lombardo - che possa essere l'inizio di un percorso di costruzione che vada oltre quello che è stato fatto finora. Penso che sia arrivato il momento di raccontare fino in fondo qual è stato il ruolo della 'ndrangheta. Andrà letta la sentenza. Ci saranno approfondimenti da fare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews