Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Processo Maniaci, i legali rinunciano a sentire Saguto
«Non vuole venire? Bastano intercettazioni per finire»

Si avvia verso i titoli di coda il primo grado del processo al giornalista di Telejato, accusato di estorsione e diffamazione. Ancora una volta l'ex presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo non si è presentata in aula

Gabriele Ruggieri

Foto di: silvia buffa

Foto di: silvia buffa

Silvana Saguto, anche stavolta, non era in aula. La grande attesa dell'ennesima udienza del processo al giornalista di Telejato Pino Maniaci ha dato forfait senza nemmeno ritirare l'avviso di giacenza con cui è stata convocata. Chiamata a testimoniare dai legali di Maniaci, accusato di estorsione e diffamazione in un procedimento che, anche a causa dei tanti rifiuti delle persone chiamate a deporre davanti al giudice, va avanti da mesi. Stavolta però, l'ex presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, che a lungo aveva parlato del cronista e di Telejato nelle conversazioni intercettate e depositate presso il tribunale di Caltanissetta, dove la stessa Saguto è imputata, non dovrà più presentarsi in aula. Lo stesso vale per il colonnello della Dia, Rosolino Nasca, anche lui assente oggi per legittimo impedimento.

«Oggi l'udienza era prevista per sentire gli ultimi testi della difesa: il colonnello Nasca e la dottoressa Saguto - spiega uno dei legali di Pino Maniaci, l'avvocato Bartolo Parrino - Per l'ennesima volta non siamo riusciti ad avere la loro presenza. Nasca ha presentato di nuovo legittimo impedimento; la dottoressa Saguto, nonostante le sia stata depositato l'avviso di giacenza, non l'ha ritirato. Comunque vada, non abbiamo più interesse a sentirli a questo punto. Abbiamo chiesto al pubblico ministero (Amelia Luise, ndr) di potere produrre parte della perizia depositata a Caltanissetta circa le intercettazioni di Saguto ed eventualmente di Nasca riguardanti Maniaci. Con questa richiesta che verrà sciolta alla prossima udienza, siamo pronti per andare in discussione. Tecnicamente il processo è finito, dobbiamo solo discutere e andare a sentenza».

Non una resa, dunque, quella di Maniaci, ma un tentativo di arrivare a un verdetto di primo grado quanto prima, senza tuttavia rinunciare alla prova di quanto affermato da Silvana Saguto nelle sue conversazioni telefoniche. «Noi abbiamo citato la dottoressa Saguto e il colonnello Nasca soprattutto in riferimento al contenuto di alcune intercettazioni e la loro presenza era funzionale a questo - chiosa Antonio Ingroia, anche lui legale di Maniaci - La citazione è stata depositata, ma nessuno dei due evidentemente aveva voglia di partecipare al processo e questo avrebbe potuto dare inizio a un tira e molla che sarebbe potuto durare mesi e mesi. Noi abbiamo interesse che si concluda questo processo che dura da fin troppo tempo. L'istruzione dibattimentale è completa. Abbiamo pensato - conclude il legale - di ottenere lo stesso risultato attraverso la produzione documentale»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews