Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Villa Sperlinga, strage di pesci abbandonati un una vasca
L'imbarazzo del Comune. Gelarda: «Fatti inammissibili»

Divampa la polemica dopo la pulizia della fontana della villa. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco, che hanno riempito il piccolo bacino, recuperato le tartarughe e salvato i pochi superstiti. Bufera sugli operai del Coime che hanno compiuto l'intervento

Gabriele Ruggieri

Foto di: Cocò Gulotta

Foto di: Cocò Gulotta

Una vera e propria strage di pesci quella che si è consumata due giorni fa nella grande fontana di villa Sperlinga. E alla base di tutto pare proprio esserci un errore umano. In mattinata gli operai del Coime si erano recati nella villetta nei pressi di piazza Unità d'Italia per pulire la fontana, l'hanno svuotata e hanno raccolto tutti i pesci rossi e le grosse carpe all'interno di una bacinella di plastica nera, dopodiché, stando al racconto di alcuni testimoni, sarebbero spariti, lasciando la fontana vuota. Nella plastica, ammassati, con pochissima acqua, sotto al sole cocente, i tanti pesci della fontana hanno iniziato a boccheggiare e infine a morire, ma nessuno degli addetti alla manutenzione si sarebbe occupato di ciò, probabilmente per una dimenticanza. 

Alla fine sono state le persone che si trovavano in quel momento nella villa a accorgersi di quanto stava succedendo e chiamare polizia, carabinieri e vigili del fuoco. E proprio grazie all'intervento di questi ultimi qualche pesce è riuscito a salvarsi. Sono stati infatti i pompieri a riempire nuovamente la vasca della fontana, impedendo così anche la morte delle tartarughe, lasciate nel bacino vuoto, mentre un loro collega si occupava della bacinella dei pesci alla ricerca di qualche superstite. Qualche pesce rosso si è riuscito a salvare, ma non c'è stato niente da fare per le carpe, che sono morte tutte. E qualche avventore della villa si è persino ritrovato a dovere recuperare delle tartarughe uscite dalla vasca alla disperata ricerca di acqua.

Dagli uffici del Comune parlano di responsabilità da accertare e hanno chiesto a chi ha fatto materialmente l'intervento una relazione su quanto accaduto, ma è chiaro che la vicenda ha creato non poco imbarazzo. Duro il commento di Igor Gelarda, capogruppo in consiglio della Lega. «Vorrei spiegazioni dal sindaco - dice - che stavolta non può risolvere con il solito trasferimento del personale. È inammissibile che accadano fatti come questi, dove sembrano emergere responsabilità per il maltrattamento degli animali, lasciati in agonia per ore sotto il sole, con pochissima acqua, fino a causarne la morte». 

Intanto si sprecano le reazioni sulla vicenda e qualcuno parla anche di comportamento abituale. «Sono decenni che fanno così, ancora ricordo quando ho salvato le carpe» spiega un utente di facebook commentando le foto, «Che siano morti dei pesci rossi, non mi suscita particolare empatia - dice un altro utente - sono sincero. Sono pesci rossi... non che stia lì a torturarli o vivisiezionarli, ma pesci rossi sono! Quello che fa veramente imbestialire è l’atteggiamento di chi ha provveduto alla genialata. Ma davvero? Questo è il livello di cura e di attenzione messo nello svolgimento del proprio lavoro? Quindi se nella pulizia di un anfratto qualunque si ritrovasse un bene storico? Si ricopre tutto? Questa gente trasmette ai propri figli gli stessi valori. E non si uscirà mai da un circolo di ignoranza e superficialità, di provincialismo e menefreghismo, che sono le vere piaghe da cui nasce e si sviluppa il resto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews