Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il Festino di Santa Rosalia diventa un lungometraggio 
«Sarà una festa di comunità, la più globale della storia»

Si intitola Il festino che non c'è e dura 75 minuti. Il film unisce il sacro e il profano dell' appuntamento estivo di Palermo. Quest'anno, per il Covid, non si può fare come sempre. «È nel sentimento della città e nella coscienza di tutti», dice la regista 

Maria Vera Genchi

Foto di: mariavera genchi

Foto di: mariavera genchi

Il festino di Santa Rosalia diventa un film. Palermo sospesa. C'è il festino che non c'è è il titolo della produzione con cui si terrà stretto il legame tra la Santa e la sua città in un momento in cui, a causa delle restrizioni imposte dal contrasto al Covid-19, non è possibile fare il tradizionale corteo né la classica festa in piazza. «Sarà un festino di comunità che rimane», ha detto l'assessore alle Culture Adam Dharwasha durante la presentazione della 396esima edizione del Festino di Santa Rosalia che si è svolto stamattina al palazzo arcivescovile di Palermo.

È stato lo stesso assessore ad accennare alla possibilità per il 4 settembre «di potere in altra forma, in altro modo, con altre regole e misure di sicurezza omaggiare Santa Rosalia». Coronavirus permettendo. Intanto, proprio oggi in Cattedrale partiranno le riprese del film. «È il tentativo di mettere insieme l’idea che Rosalia c’è comunque così come c’è il festino - ha spiegato la regista Costanza Quatriglio, che è anche la direttrice della sezione Sicilia del centro sperimentale di cinematografia - Il festino esiste perché è dentro il sentimento di questa città e dentro la coscienza di ciascuno di noi». Preghiera, memoria e arte si intrecciano nel lungometraggio (di circa 75 minuti) che unisce il sacro e il profano del tradizionale appuntamento estivo palermitano. 

Il film realizzato anche con materiali d'archivio - messi a disposizione dalla fondazione Teatro Massimo, l’associazione Teatro Biondo, l’orchestra sinfonica siciliana, l’accademia di Belle Arti di Palermo, il conservatorio di musica Alessandro Scarlatti, la fondazione Sant'Elia, l’istituto Luce e Rai Teche - sarà disponibile gratuitamente dalla sera del 14 luglio su diverse emittenti televisive, arene cinematografiche e piattaforme di streaming. Oltre alle immagini di repertorio ci saranno testimonianze e immagini di luoghi sacri. «Dopo uno spaesamento iniziale, dovuto al poco tempo a disposizione - aggiunge la regista - il lungometraggio è arrivato da solo, si è visualizzato da sé». 

Niente processione e niente carro, per il resto il programma religioso rimane quasi invariato. «Quello di quest'anno sarà un Festino di alta intensità spirituale - ha detto l’arcivescovo Corrado Lorefice - In una Palermo sospesa, che ci vede costretti alla distanza, il Festino deve avvenire nel suo vero luogo: il cuore, vincendo ogni barriera e ogni distanza». La sfida è riuscire ad essere comunità nonostante le distanze. «Bisogna mettere insieme distanziamento fisico e dimensione comunitaria - dice il sindaco Leoluca Orlando - Questo festino 2020 sarà il più globale nella storia dei festini di Palermo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews