Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La disperazione di chi finisce nella morsa degli usurai
Il negozio di traslochi e lo studente che ha denunciato

La storia di Marco che, a pochi mesi dalla laurea in Architettura, si è ritrovato a chiedere dei prestiti per concludere i lavori in alcuni cantieri. «Mi hanno detto che dovevo presentarmi in quel negozio di via Papireto, altrimenti mi succedeva qualcosa»

Dario De Luca

«Mi hanno detto che dovevo presentarmi in quel negozio di via Papireto, altrimenti poteva succedermi "qualcosa". Nonostante fossi impaurito, per evitare il coinvolgimento dei miei genitori, mi sono recato all'appuntamento e ho chiesto una dilazione di 15 giorni». Una storia, quella di Marco - nome di fantasia -, di chi improvvisamente si ritrova dal sogno della laurea in Architettura all'incubo degli strozzini. Asfissianti come un cappio intorno al collo in situazioni che spesso rischiano di precipitare, ma non in questo caso. Grazie alla scelta di denunciare e al sostegno di forze dell'ordine e di un'associazione antiusura. Marco, prima di concludere gli studi, decide di non rimanere con le mani in mano, scegliendo di progettare la ristrutturazione di qualche immobile in giro per Palermo

Il problema arriva quando il titolare della ditta edile che si occupa di un cantiere inizia a interrompere i lavori pretendendo più soldi rispetto a quanto stabilito. «Non ho avuto il coraggio - racconta a verbale il giovane quando viene interrogato - di dire alla proprietaria di casa che servivano altri 5mila euro per completare la ristrutturazione». Quei soldi, però, la vittima non li ha e in cambio offre la possibilità alla ditta di lavorare in un altro cantiere ormai imminente. «Sembrava avere accettato la proposta - continua - ma il giorno dopo l'apertura del cantiere tornava a chiedere i cinquemila euro». Tra pressioni e pretese che vengono saldate, la ditta esce di scena ma lo studente non può non completare i lavori iniziati. Marco si affida così a due operai, conosciuti tramite il traslocatore Calogero Filoreto. Titolare di un'attività in via Papireto che porta il cognome Palazzotto - quello della moglie - lo stesso di alcuni boss di Cosa nostra dell'Acquasanta. Filoreto, stando alla ricostruzione dei documenti, è l'uomo che si sarebbe occupato di un trasloco di mobili nel primo cantiere. Così, secondo l'accusa, sarebbe entrato in contatto con la vittima riuscendo ad adescarla nella propria rete. 

A Marco i soldi per pagare i due operai finiscono presto. Sarebbero stati loro stessi, stando al racconto dell'uomo, a consigliargli di rivolgersi proprio al traslocatore per tentare di avere un aiuto economico: «Io ho avuto la sensazione - racconta a verbale riferendosi all'incontro - che lui sapesse delle mie esigenze». Gli investigatori del nucleo economico finanziario della guardia di finanza, guidati dal comandante Gianluca Angelini, ricostruiscono due dazioni di denaro. La prima da 2.000 euro a inizio novembre 2019 e la seconda, a metà dello stesso mese, di 3.000 euro. Gli interessi però sono alle stelle e la vittima avrebbe dovuto restituire, 15 giorni dopo ogni prestito, rispettivamente 3.000 e 4.500 euro

Gli usurai bussano alla porta di chi ha bisogno ma Marco quei soldi, messi nero su bianco con altrettante cambiali senza nominativi, non riesce a restituirli tutti. Il giorno stesso in cui decide di presentarsi in caserma - il 5 dicembre del 2019 - arriva la chiamata del traslocatore e venditore di mobili: «Mi diceva che se non avessi consegnato la somma "erano problemi perché la gente aspettava" e che gli sarebbe dispiaciuto se a me fosse successo qualcosa». Filoreto finisce in manette 13 giorni dopo la denuncia - il 18 dicembre del 2019 - giorno in cui Marco si presenta in negozio con 600 euro in banconote fotocopiate precedentemente dalla guardia di finanza. Consegna i soldi allo strozzino e, subito dopo, scattano le manette.

In questa storia c'è però un secondo arresto, quello avvenuto ieri, per usura ed estorsione. Si tratta di Giuseppe Cannino, l'uomo è accusato di essere la persona addetta a rifornire di contanti il traslocatore di mobili. Sarebbe lui che, a metà novembre, si presenta ai cantieri della Zisa, a bordo di una Vespa Piaggio, per consegnare a Filoreto 3.000 euro, poi passati alla vittima. Lo stesso uomo compare anche quando Marco chiede 15 giorni di tempo in più per saldare i suoi debiti. L'incubo adesso è finito. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews