Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il turismo palermitano «da ricostruire a partire da zero»
Tra pochi voli, ingressi contati nei musei e locali chiusi

Per l'estate le prenotazioni sono tutte cancellate e l'autunno è incerto. «Stiamo riprogrammando qualche tour cittadino, ma per ripartire serve ampliare il numero degli ingressi nei siti», spiega a MeridioNews il presidente delle guide Giovanni Masaniello

Marta Silvestre

Foto di: dorinser

Foto di: dorinser

«Il nostro è un settore tutto da ricostruire». Non ci gira intorno il presidente delle guide turistiche di Palermo Giovanni Masaniello. Sembrano lontani i tempi in cui il capoluogo siciliano era diventata meta del turismo - anche di massa - dopo la biennale d'arte Manifesta e il riconoscimento di Capitale italiana della Cultura nel 2018. «Il vuoto lasciato dagli effetti della pandemia da coronavirus è grave - ammette Masaniello a MeridioNews - ma stiamo provando a riprogrammare diversi tour cittadini nella speranza di potere offrire presto di nuovo i nostri servizi ai turisti». Intanto per l'estate tutte le prenotazioni sono già state cancellate «e anche la stagione autunnale è ancora piuttosto incerta. In ogni caso, bisognerà puntare sul turismo individuale e non su quello di gruppo», aggiunge il presidente. 

E le incertezze sono dovute a diversi fattori. «Innanzitutto serve che vengano ripristinati tutti i voli e i collegamenti diretti», chiarisce al nostro giornale Anita Bestler, guida turistica di origine tedesca residente a Palermo da più di vent'anni. «So di turisti tedeschi, svizzeri o austriaci che si stanno organizzando per raggiungere l'Italia direttamente in macchina - dice Bestler - ma, per fare tutto il tragitto in auto, la Sicilia è troppo lontana». Insomma per fare in modo che i turisti arrivino, come prima cosa, bisogna fare in modo che possano arrivare. 

«Al momento, siamo a zero totale - lamenta - Le prenotazioni sono state cancellate per tutto l'anno». Una prospettiva che non sembra incoraggiante. «In effetti a fare desistere gli aspiranti visitatori sono anche le poche garanzie sull'igiene dei posti in cui dovrebbero essere accolti e - aggiunge la guida - pure il fatto che molti hotel e ristoranti abbiano scelto di rimanere ancora chiusi». In pratica, un cane che si morde la coda visto che molti ristoratori e albergatori non hanno rialzato le saracinesche proprio per la carenza di turisti

Tra quelli per cui raggiungere non solo Palermo ma l'Italia intera è impossibile ci sono i giapponesi. «Negli ultimi anni, in particolare a partire dal 2015, abbiamo registrato una crescita costante di turisti giapponesi e cinesi», spiega a MeridioNews Kamishina Erina, guida turistica giapponese che vive a Palermo dal 2003. Un incremento che adesso, inevitabilmente, ha subito una forte battuta d'arresto. «Sono in contatto costante con miei connazionali che avrebbero voglia di venire a visitare il capoluogo siciliano ma - spiega la guida - il governo giapponese non consente ancora le partenze verso l'Italia. Un graduale allentamento di questa misura dovrebbe essere previsto nel mese di agosto». 

Dei tempi migliori, però, non si può restare solo in attesa. «Insieme alla Regione - fa presente Masaniello - stiamo lavorando per ampliare gli ingressi sia nei siti archeologici che in quelli museali». Al momento, secondo le restrizioni previste, ogni guida turistica può accompagnare un massimo di 12 persone in un sito archeologico e di quattro in un museo. «Solo aumentando queste unità possiamo avere la speranza di ripartire piano piano». Intanto, è di qualche giorno fa l'iniziativa Fly to Palermo, book 4 nights, get 1 night free (Vola a Palermo, prenota quattro notti, una è gratis) lanciata da Federalberghi, da Gesap - la società che gestisce l'aeroporto Falcone-Borsellino - e dalla città metropolitana di Palermo. Per il sindaco Leoluca Orlando il motto resta: «Exciting and safe (emozionante e sicuro, ndr)». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews