Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Alla ricerca di una soluzione per l'istituto Gramsci
Assessore: «Non può chiudere per debiti col Comune»

Il professore Matteo Di Figlia, docente associato di Storia contemporanea all’Università degli Studi di Palermo, lancia un appello affinché si risolva la situazione di quello che resta un punto di riferimento per la cultura cittadina. A MeridioNews parla l'assessore Adham Darawsha

Maria Vera Genchi

Che un istituto come il Gramsci, con alle spalle una biblioteca e un’archivio storico di estremo valore culturale (comprendente, fra le tante, le carte di Pio La Torre, Colajanni, Nisticò e Andrea Finocchiaro Aprile), debba chiudere è un’assurdità. A denunciarne il rischio, per primo, il professore Matteo Di Figlia, docente associato di Storia contemporanea all’Università degli Studi di Palermo. Proprio in questi giorni, Di Figlia ha deciso di lanciare su Facebook un appello a sostegno dell’Istituto «ancora una volta a rischio chiusura». Nel post, sottoscritto e condiviso da centinaia di utenti, il docente denuncia anche le condizioni cui versano le altre biblioteche palermitane.

L’emeroteca storica della Biblioteca Centrale della Regione Siciliana «purtroppo, è in buona parte inconsultabile da ben cinque anni, da quando - ricorda Di Figlio - nel 2015 un incendio ha reso inaccessibile una parte del plesso. L’emeroteca della Biblioteca Comunale di Palermo, altrettanto ricca, è invece chiusa da oltre vent’anni». Ma torniamo al Gramsci: a dettare il rischio della chiusura dell’istituto sarebbe un contenzioso con il Comune di Palermo. L’istituto, in attesa del rinnovo di una convenzione stipulata negli anni Duemila, avrebbe accumulato i debiti dell’affitto dei locali. Nel 2018, nonostante le rassicurazioni da parte di sindaci ed assessori, sarebbe infine arrivata l’ingiunzione, l’invito ufficiale dunque, da parte del Comune, a procedere con i pagamenti.

Le somme accumulate a oggi sono troppo gravose per le casse del Gramsci, che ancora oggi non riuscirebbe a sborsare in un unica soluzione. «Questo problema si deve risolvere - afferma Salvatore Nicosia, presidente dell’istituto - e se non si risolve, si rischia di chiudere un istituzione culturale fondamentale». L'Istituto custodisce al suo interno fondi archivistici importantissimi e rende accessibili le collezioni di numerosi quotidiani, rappresentando, tra l'altro, una fonte indispensabile per chi studia la storia della mafia e dell'antimafia.

«Non dubitiamo che ci siano motivi tecnici e legali che rendono impervia la strada per un accordo, al di là della volontà politica degli amministratori - aggiunge Di Figlia, nella sua lettera aperta - Tuttavia dobbiamo e vogliamo ricordare che una chiusura dell’Istituto Gramsci Siciliano comporterebbe un danno incalcolabile per un tessuto delle biblioteche cittadine già stremato». Possibile che un’isitutuzione di rilievo come il Gramsci venga interrotta per una mera questione burocratica? Tra mancati rinnovi di concessioni e pagamenti arretrati, il primo a condividere l’assurdità della situazione sembra essere proprio il Comune.

«L’istituto ha una valenza strategica - afferma l’assessore alle Culture Adham Darawsha - Noi come abbiamo ribadito in tutti i documenti stilati, in tutti i rapporti, quanto per noi il Gramsci abbia, appunto, un ruolo culturale strategico». Occuparsi del contenzioso però non spetta all’assessorato. «Come assessore alla Cultura non permetterò mai che il centro chiuda per un debito verso il Comune - conclude Darawsha - Si troverà una soluzione». A cercarla è l’assessore al Patrimonio Roberto D’Agostino. «Abbiamo fatto diverse proposte all’istituto da gennaio a questa parte, sembra che si raggiunga l’accordo, dopodiché si torna a ridiscuterlo. Questa settimana sto fissando un’altra riunione per vedere di non arrivare alla scadenza della prossima sentenza».

La soluzione condivisa, che metterebbe fine al contenzioso, sarebbe quella di «chiudere la partita pregressa, attraverso un riconoscimento da parte dell’istituto del reddito e nel contempo una serie di servizi previsti che riescono a compensare l’affitto dei locali, in concessione comunale». Da parte del Comune c’è dunque la piena disponibilità a risolvere i problemi «La presenza dell’Istituto Gramsci a Palermo è assolutamente necessaria - conclude D’Agostino - Con il coronavirus questa cosa in qualche modo si è bloccata nella sua definizione finale, speriamo di riuscire questa settimana a chiudere questa vicenda».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×