Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Stadio, il Palermo guarda anche in provincia
Sagramola: «Barbera? Dobbiamo iscriverci»

L'amministratore delegato rosanero, in merito alla querelle con il Comune per la concessione dell'impianto, non ha escluso la possibilità che la squadra giochi altrove le partite interne nella prossima stagione. L'allenatore, intanto, è stato scelto

Antonio La Rosa

Foto di: Calcio Rosanero

Foto di: Calcio Rosanero

Tony Di Piazza, ormai è chiaro, non condivide il modus operandi di Rinaldo Sagramola. I due dirigenti viaggiano su lunghezze d’onda diverse e il CdA del Palermo datato 18 giugno, che tra i punti all’ordine del giorno prevedeva peraltro i rilievi mossi dall’ormai ex vicepresidente sull’operato dell’amministratore delegato, ha certificato questa conflittualità. Sotto uno strato di calma apparente segnalato ieri sull’asse Palermo-New York - il post in cui Di Piazza dice su Facebook che «ho detto la mia, finché ci sono remiamo tutti insieme nella stessa direzione per il bene del Palermo» si intona in questo caso con le parole pronunciate in serata da Sagramola secondo il quale «durante il CdA non ci sarebbero stati particolari momenti di scontro» - covano disagi e malumori. Acuiti, ad esempio, dall’insofferenza con la quale l’imprenditore italo-americano ha accolto la notizia dell’aumento (deliberato nel corso del CdA) della capacità di spesa dell’amministratore delegato in linea con il nuovo budget e, di conseguenza, del rafforzamento del suo potere decisionale.

A proposito di Di Piazza, nei prossimi giorni è attesa una risposta in merito alla sua volontà di partecipare all’investimento (extra-budget) relativo al centro sportivo da realizzare in provincia. Torretta, la cui pole-position in settimana è stata insidiata dall’opzione Piana degli Albanesi dove Mirri e Sagramola martedì pomeriggio hanno fatto un sopralluogo, resta in vantaggio soprattutto per motivi logistici. «L’area individuata a Piana degli Albanesi ha potenzialità importanti - ha spiegato l’amministratore delegato rosanero intervistato da Gold78 - ma ci sono dei fattori su cui riflettere come ad esempio la distanza e il clima durante il periodo invernale. In passato avevo opzionato dei terreni a Carini, oltre l’aeroporto, e la location di Torretta, distante dallo stadio circa venti minuti, è più vicina».

La macchina organizzativa targata Palermo, in viaggio verso la prossima stagione tra i professionisti, è già in movimento. «L’allenatore è già scelto (ci sono stati dei contatti con Fabio Caserta, attuale timoniere della Juve Stabia in serie B, ndr), sarà un tecnico chiamato a interpretare il gioco in maniera positiva e a portare una ventata di freschezza in vista di un campionato molto difficile. Cambio di denominazione? Sarà il presidente a comunicare la scelta, che è già stata fatta, del nome definitivo della società». Un flash anche sul mercato. «Lafferty? Una suggestione - spiega il dirigente romano in riferimento all’attaccante nordirlandese che indossò la maglia del Palermo nella stagione 2013/14 culminata con la promozione in serie A - e penso che sarà destinata a rimanere tale. Noi valutiamo diversi aspetti: tecnici, tattici e caratteriali. Vogliamo contribuire a riportare il Palermo in alto - ha aggiunto -  quest'anno ci sono state partite difficili, il campionato è stato molto più complicato di quanto pensassi». Confermata la sede del ritiro estivo della scorsa estate: Petralia Sottana. «Se il campionato inizierà a metà settembre, la preparazione comincerà nella prima settimana di agosto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews