Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, c'è aria di intesa tra Mirri e Di Piazza
Le due anime rosanero verso un punto di incontro

Il presidente sarebbe intenzionato a esercitare l'opzione per rilevare il 40 per cento delle quote in possesso del socio di minoranza destinato a uscire di scena. La possibile variazione dello status quo è emersa nel corso dell'assemblea di Hera Hora

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Per il momento ha prevalso la linea della continuità. Per il momento, appunto. Lo status quo all’interno del Palermo, confermato il 15 giugno in occasione dell’assemblea della proprietà e del CdA del club con Di Piazza destinato a rimanere come socio di minoranza, molto probabilmente sarà una formula a tempo determinato. Dario Mirri, azionista di maggioranza, sembra intenzionato a esercitare l’opzione per rilevare il 40 per cento delle quote in possesso dell’imprenditore italo-americano disposto a cedere la sua quota di partecipazione sociale. 
Una mossa che, facendo leva su un iter previsto dalle norme, scioglierebbe definitivamente il nodo determinando l’uscita di scena del vicepresidente dimissionario (con il quale, dopo le conflittualità emerse nelle ultime settimane, i soci di maggioranza difficilmente riuscirebbero a convivere in maniera pacifica nonostante i toni più concilianti registrati lunedì pomeriggio) attraverso una soluzione condivisa.

Di Piazza vuole cedere, Mirri vuole acquistare: il punto di incontro, a queste condizioni, si trova con facilità. Che qualcosa bolle in pentola, del resto, lo ha lasciato intendere anche la società rosanero nel momento in cui, riassumendo sul sito ufficiale i contenuti dell’assemblea di Hera Hora e del CdA del club di due giorni fa, fa riferimento al fatto che «i soci hanno avuto modo di avviare il confronto sul futuro trasferimento delle quote della Italplaza (quote riferibili a Di Piazza) con confronto rimesso ai rispettivi legali». 
Su richiesta del consigliere Di Piazza accolta dal consiglio, intanto, i temi all’ordine del giorno del CdA del Palermo tenutosi lunedì verranno affrontati giovedì 18. Prima del consiglio di amministrazione - sottolinea la società - in seno all’assemblea di Hera Hora (la holding che controlla il club rosanero, ndr) è stato approvato all’unanimità il bilancio 2019. I soci si sono confrontati anche sulla realizzazione del centro sportivo a proposito del quale Di Piazza deciderà entro una settimana se confermare o meno il proprio interesse e coinvolgimento.

L’attualità rosanero abbraccia anche il tema relativo alla concessione dello stadio, di proprietà del Comune, e alla richiesta da parte del club della bozza di convenzione, requisito necessario per la documentazione da presentare per l’iscrizione al prossimo campionato. A questo proposito, il Palermo ha scritto con una certa urgenza all’assessore al Patrimonio (e per conoscenza anche al sindaco e al presidente del Consiglio comunale) per avere chiarimenti in merito all’esistenza di un testo che, in base alle informazioni in possesso della società, «sarebbe già stato sottoposto all’esame del Consiglio Comunale e favorevolmente esitato dalla Commissione competente». Documento con un contenuto di cui non è a conoscenza il Palermo, preoccupato anche per i ristretti margini temporali necessari per rimediare eventualmente a ulteriori ritardi. Da Palazzo delle Aquile è arrivata la precisazione che risponde agli interrogativi posti dalla società: la presidenza del Consiglio comunale non ha ricevuto nessun testo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews