Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, Dario Mirri delinea un orizzonte roseo
«C'è tranquillità, mai una cassa così capiente»

Il presidente ha dispensato pillole di ottimismo al Barbera nel corso di una conferenza nella quale è stato fatto anche il punto della situazione relativa alle dinamiche interne con l'ormai ex vicepresidente Tony Di Piazza. Presente allo stadio pure il sindaco Leoluca Orlando

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Tregua armata. L’assemblea di tutti i soci del 9 giugno, alla quale in rappresentanza dell’azionariato popolare ha preso parte anche l’associazione Amici Rosanero rappresentata dal professore Carlo Amenta, non è servita a cancellare le crepe che si sono formate nel rapporto tra l’ormai ex vicepresidente Tony Di Piazza e i soci di maggioranza. Per il bene del Palermo e in funzione dello sviluppo di un piano strategico importante per la prossima stagione, tuttavia, le parti (almeno per il momento) hanno deciso di mantenere lo status quo (Dario Mirri azionista di maggioranza con il 60 per cento delle quote, Di Piazza socio di minoranza con il 40 per cento) e di proseguire senza stravolgimenti il percorso delineato insieme la scorsa estate. Nonostante le incomprensioni e una serie di conflittualità riconducibili a varie tematiche tra cui quella della gestione della comunicazione e del rapporto con i media, le due anime del Palermo hanno capito che sotterrare l’ascia di guerra (l'imprenditore italo-americano avrebbe manifestato la disponibilità, respinta da Mirri, a ritirare le dimissioni da vicepresidente) e remare tutti nella stessa direzione rappresentano due condizioni necessarie per il consolidamento della base su cui impostare un progetto vincente.

Restano, in ogni caso, diversi angoli da smussare: «Il Palermo e il calcio non sono un gioco – ha sottolineato il presidente rosanero allo stadio Renzo Barbera affiancato in sala stampa dal sindaco Leoluca Orlando che ha sottolineato la bontà dell’operato della società e ribadito la propria gratitudine alla tifoseria, definita di serie A, per la sobrietà con la quale ha festeggiato la promozione in C – è un pezzo importante dell’economia e del cuore della gente. Di Piazza è un socio, non è un amministratore. Comunque si prosegue insieme e sono sicuro che Tony, persona perbene, rispetterà gli impegni presi e farà il suo versamento». Mirri, proiettato per indole verso il futuro («Dobbiamo guardare avanti senza voltarci indietro e senza pensare a errori anche a proposito di un eventuale peccato originario relativo alle porte aperte a Di Piazza»), dispensa pillole di ottimismo in merito allo stato di salute del club targato Hera Hora: «Le prospettive sono più che rosee e di grande tranquillità. La società ha già i soldi per gestire la prossima stagione, non abbiamo mai avuto una cassa così capiente. Il budget per il prossimo anno sarà di 10 milioni, 4 di ricavi e 6 versati dagli azionisti».

Tra i temi affrontati dall’imprenditore palermitano anche quello relativo alle nuove maglie («Lo sponsor tecnico ha già individuato le tre casacche per la prossima stagione, la terza sarà speciale e legata al 120esimo anniversario della nascita del club»), allo stadio, a proposito del quale il titolare della Damir confida nella pubblicazione da parte del Comune della procedura per la concessione del diritto di superficie, e al centro sportivo. «In questo caso sono molto ottimista. Avevamo individuato dei terreni in città ma non è stato possibile realizzarli e dunque andremo in provincia («Non sono invidioso – ha dichiarato Orlando su questo argomento - meglio farlo piuttosto che dire ‘a Palermo o niente’»). Le opzioni sono Monreale, Torretta e Carini. Siamo avanti in tal senso e stiamo lavorando anche preventivamente per le autorizzazioni». Con il passaggio in C è chiaro che la SSD Palermo (Società Sportiva Dilettantistica Palermo) dovrà cambiare denominazione: «Il punto è all’ordine del giorno anche perché domani arriverà il telegramma che certificherà la promozione. Al momento posso dire che ci sono ancora dei passaggi da fare anche in termini di registrazioni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews