Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Covid-hospital di Partinico da lunedì verrà riconvertito 
Una manifestazione per scongiurare depotenziamento

Cittadini, associazioni e l'emittente televisiva Telejato si ritroveranno davanti il nosocomio per evitare possibili riduzioni di posti letto o reparti. L'ospedale serve diversi Comuni e abbraccia una popolazione di circa 150mila abitanti

Danilo Daquino

Una manifestazione per difendere l’ospedale di Partinico, messo a dura prova in questi mesi di pandemia. È l’iniziativa promossa da un comitato spontaneo formato dal movimento Cittadinanzattiva, dal gruppo Rivogliamo l'ospedale di Partinico, dalla chiesa del territorio e dall'emittente televisiva Telejato, per chiedere alla Regione Siciliana e all’Asp di Palermo che il nosocomio, uno dei covid hospital della Sicilia, riprenda a essere pienamente operativo

Lo scorso 27 maggio era stato l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza a comunicare la riconversione dell’ospedale, nel corso di una sua visita proprio all'interno della struttura. «Ci ha detto che riaprirà nella sua interezza ma noi non ci fidiamo ed è per questo che abbiamo confermato la manifestazione – spiega a MeridioNews Pino Maniaci, direttore di Telejato e tra gli organizzatori –. Difficilmente tornerà tutto com’era prima, basti pensare che numerosi medici sono stati trasferiti in altre strutture palermitane». Da quando, lo scorso marzo, l’ospedale è stato destinato ad ospitare esclusivamente i pazienti affetti da Covid-19, infatti, si è assistito a quello che da più parti è stato definito uno «smantellamento», con le unità operative smembrate e trasferite in altri presidi ospedalieri della provincia. 

«La Ginecologia è stata portata a Corleone, la Pediatria ad Alcamo e la Chirurgia a Palermo, giusto per fare qualche esempio – continua Maniaci – in questi 75 giorni c’è stato il caos totale». Il riferimento è al fatto che il nosocomio serve un territorio molto vasto, popolato da quasi 150mila abitanti, che oltre Partinico comprende i Comuni di Borgetto, Montelepre, Giardinello, Terrasini, San Giuseppe Jato, Trappeto e tanti altri, con migliaia di cittadini che da un giorno all’altro si sono trovati a dover fare i conti con visite annullate e disagi continui, legati anche alla chiusura del Pronto soccorso, stretta conseguenza della conversione dell’intera struttura. 

«Le donne in procinto di partorire venivano mandate a Palermo o ancora peggio a Corleone, col rischio che avrebbero potuto trovarsi costrette a dover fare nascere i propri figli in ambulanza», aggiunge Maniaci. Effettivamente, la distanza tra Partinico e Corleone è stimata in un’ora, che aumenta se ci si sposta dai Comuni limitrofi. Se a questa si aggiunge il fatto che la provinciale in questione è completamente dissestata e piena di deviazioni, la percorrenza potrebbe addirittura raddoppiare. 

Alla manifestazione, che domani (30 maggio) avrà inizio a partire dalle ore 9.00 davanti l’ospedale di Partinico, hanno aderito anche alcuni deputati regionali e nazionali, i sindaci del comprensorio, consiglieri e associazioni. «Che ospedale sarà quello che sta per riaprire?», si chiedono gli organizzatori, che alla luce di quanto accaduto temono il depotenziamento del nosocomio

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews