Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Abramo, Cgil: «Dramma per 16 interinali»

Redazione

Nella crisi economica del call center Abramo, che avvierà per il Covid-19 il Fis per i suoi 3.220 lavoratori, di cui 250 palermitani, c'è il dramma di 16 lavoratori interinali dell'agenzia Open Job, che da tre mesi lavoravano al call center Abramo, il cui contratto è scaduto oggi.Non hanno ottenuto la proroga dei contratti, non potranno accedere agli ammortizzatori sociali del decreto Cura Italia né avranno la possibilità di essere più riassunti. “Per loro, i più precari tra i precari, si tratta di una vera beffa: non hanno la Cig e la Naspi (che scatta dopo 13 settimane) e non potranno rientrare al lavoro in Abramo come gli altri, nel momento in cui finirà il periodo di cassa integrazione per i limiti imposti dal Decreto Dignità. In arrivo a Palermo c'è una valanga di casi del genere», avvisa il segretario generale della Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso.

Il secondo caso è già in corso e riguarda la Steel Impianti, azienda dell'indotto Fincantieri, dove i contratti agli interinali scadevano pure oggi, martedì 31 marzo. La Steel Impianti ha attivato la cassa integrazione per i suoi dipendenti e ha chiesto all'agenzia interinale Quanta di prorogare i 6 contratti in somministrazione. Ma dall'agenzia è arrivato il diniego. Anche tra questi lavoratori c'è chi non rientra in Naspi, chi non prenderà nulla e non potranno nemmeno accedere al Tis, il trattamento di integrazione salariale, che avrebbero ottenuto qualora il contratto fosse stato prorogato. 

«Le aziende in cassa integrazione non stanno rinnovando i contratti a tempo determinato dei lavoratori in somministrazione. E questi lavoratori, non solo perdono il lavoro, ma si ritrovano fuori dagli ammortizzatori sociali e con la beffa di non poter essere più richiamati al lavoro causa del Decreto dignità - dichiara Andrea Gattuso, segretario generale Nidil Cgil Palermo - Esprimiamo forte preoccupazione perché secondo il Decreto dignità non è possibile rinnovare contratti senza causale. Chiediamo di modificare questa paradossale condizione».

Nidil Cgil lancia l'Sos per tutti i settori in cui si trovano interinali nella stessa condizione. «Lanciamo l'allarme in tutti i settori in cui ci sono lavoratori con contratti a termine e in somministrazione. Sono i lavoratori meno tutelati. Non solo perdono il lavoro ma non hanno ammortizzatori e spesso non possono accedere alla Naspi e avranno difficoltà a essere riassunti – aggiunge il segretario di Nidil Gattuso - Il governo preveda delle misure pure per questi lavoratori che perdono il lavoro e non hanno possibilità di chiedere la disoccupazione. Chiediamo con forza al governo che in questa fase di emergenza i contratti in somministrazione per le aziende in cassa integrazione non rientrino nel Decreto dignità e non sia necessario chiedere la causale per la loro riassunzione. Le aziende e le agenzie si prendano le loro responsabilità e rinnovino i contratti».

Fonte: comunicato stampa

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews