Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Donano mascherine non a norma, intervengono i carabinieri
L'esperto: «Sono inutili, produrle può essere anche rischioso»

L'iniziativa è nata come gesto di solidarietà, ma le buone intenzioni non sempre si coniugano con la legge e la sicurezza. Il presidente di Federfarma spiega perché chi indossa una mascherina, anche professionale, non deve sentirsi immune al contagio

Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Voleva essere un gesto di solidarietà quello della tappezzeria Crivello, che aveva deciso di distribuire in maniera del tutto gratuita delle mascherine alla cittadinanza. Il dono dell'azienda palermitana, tuttavia, è stato fermato dopo pochi minuti. Alla porta dell'attività hanno infatti bussato i carabinieri, che sono stati costretti a sospendere la donazione. «Le mascherine - spiegano i militari sul posto - non sono a norma e non possono essere distribuite perché mancano le opportune autorizzazioni dell'Istituto superiore di sanità. Purtroppo i social hanno contribuito alla diffusione di questa notizia». 

Nulla di fatto, quindi, con la tappezzeria che adesso rischia una sanzione. «In ottemperanza alla normativa vigente del Dpcm datato 09 Marzo 2020 - scrive l'azienda sulla propria pagina Facebook - la distribuzione delle mascherine (con nostro grande dispiacere) non viene più effettuata». L'azione delle forze dell'ordine ha finito con lo scoraggiare altre iniziative, anche queste nate esclusivamente per offrire un contributo in maniera del tutto gratuita e disinteressata alla comunità, che tuttavia hanno fermato le macchine dopo avere prodotto i primi prototipi, in attesa di capire come potere rendere funzionali i propri prodotti anche agli occhi della legge. 

Chi invece la sanzione l'ha ricevuta è un'altra azienda tessile, questa volta di Casteldaccia, che ha utilizzato le proprie risorse, normalmente dedite alla produzione di imbottiture per bare, per creare delle mascherine, spacciate per mascherine coronavirus, per un'iniziativa in questo caso molto poco solidale, ma per scopi di lucro. «La produzione di mascherine artigianali da parte di aziende tessili o di chiunque altro - spiega Roberto Tobia, presidente di Federfarma - è una cose assolutamente fuori dal mondo, le soluzioni fai da te sono assolutamente inutili. Oltretutto le mascherine sono state consigliate dall'Istituto superiore di sanità solo per chi è stato o suppone di essere contagiato, per proteggere gli altri. Le mascherine che hanno un potere filtrante che può arrivare, in base alla tipologia, anche al 93 - 95 per cento, sono quelle denominate ffp1, ffp2 e ffp3». 

«Andiamoci piano con queste iniziative - continua Tobia - che sono sì lodevoli, ma servono solo a creare illusioni sulla protezione. Anche chi indossa le mascherine a norma deve stare attento, non bastano ad avere la certezza di essere protetti, può essere anche rischioso per il senso di immunità che si può percepire. Inoltre in questi dispositivi i filtri vanno cambiati ogni otto-dodici ore, perché con l'utilizzo perdono il loro potere». Insufficienti anche le semplici mascherine chirurgiche, che secondo l'esperto «servono solo a impedirci di toccarci la bocca o il naso. Per cercare di essere protetti - conclude Tobia - basta seguire i dettami dell'Istituto superiore della sanità: mantenere la distanza dalle altre persone, lavarsi le mani, non toccarsi il viso e tutti gli altri precetti che vengono ribaditi per la salute pubblica e il contrasto al virus».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews