Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Almaviva, ancora lontana l'ipotesi dello smart working
Dipendenti in agitazione. «Bomba sanitaria a orologeria»

Cresce il malumore degli AlmaWorkers, costretti ancora a recarsi negli uffici. Se da un lato hanno ottenuto la promessa di più frequenti sanificazioni dei locali, dall'altro attendono l'ok dei committenti per il telelavoro. Intanto parte il toto nomine: «Dove sarà il primo caso?»

Silvia Buffa

«In Calabria il sindaco ha sospeso già tutto, call center chiusi. Qua cosa stiamo aspettando ancora?». Il segretario generale Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso non è il solo a domandarselo. Insieme a lui, tutti i giorni se lo chiedono anche i 2.800 dipendenti di Almaviva, costretti ancora a recarsi in sede per lavorare. Senza guanti e senza mascherine, a meno di non averle a disposizione a casa propria, che l'azienda non riesce a garantire perché introvabili. E senza igienizzanti, salvo sempre quelli provenienti dalle proprie abitazioni. «Siamo una bomba a orologeria», dicono i lavoratori, che da giorni ormai chiedono all'azienda la possibilità di attivare lo smart working, cioè di poter in sostanza lavorare da casa. 

Una decisione, però, che non dipende solo da Almaviva Contact, ma anche dai singoli committenti: «Parliamo di dati sensibili, sono anche loro che devono dare l'ok per una cosa del genere - spiega Rosso -, ma perché temporeggiare? Se non si acconsente a una soluzione del genere in un contesto come questo, allora quando?». Domande che, al momento, restano inevase, senza risposte né misure concrete purtroppo. Anche se, dopo l'incontro di ieri tra l'azienda e le Rsu, Almaviva si è impegnata a promettere un'intensificazione delle operazioni di pulizia e sanificazione dei luoghi di lavoro, accogliendo lamentele e osservazioni. Fino ad oggi, per chi si reca ancora nella sede di via Cordova, la misura adottata è quella delle postazioni alternate, che non può certo bastare a scongiurare i contagi. 

Chi può, temporeggia in attesa di misure diverse da parte dell'azienda prendendo qualche giorno di ferie o di malattia. Ma non tutti sono nelle condizioni di farlo e sono quindi costretti ad andare in ufficio. Attirando a volte, di contro, le critiche di altri colleghi. «Con lo straordinario pensano di debellare il virus?», ironizza qualcuno. «Vorrei vedere se nessuno si presentasse a lavoro chi oserebbe licenziarli», azzarda qualcun altro. Il malessere tende ad aumentare giorno dopo giorno, insomma. Seguito da appelli sui social e sfoghi da parte di chi è coinvolto in prima persona. «A venerdì prossimo non ci arriviamo - osserva un dipendente -. È quasi inevitabile. Possiamo fare il toto servizio: dove sarà il primo caso? In quale servizio Almaviva? Io scherzo perché voglio davvero che non accada mai... ma sta già accadendo ovunque a tutti: forze dell'ordine, call center all'estero, politici, calciatori e sportivi. Ovunque! Il sevizio che subirebbe più di tutti un crollo essenziale (a livello nazionale) è il numero 1500, che dire...preghiamo per il meglio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews