Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Viaggio nella Palermo che resta (o quasi) a casa
Tra messaggi di speranza e abusivi senza regole

Lunghe code sui marciapiedi dei supermercati, persone distanti un metro e più l'una dall'altra, ma nei chioschi di frutta e verdura abusivi si creano ancora assembramenti potenzialmente pericolosi. Sulle vetrine: «Andrà tutto bene, a presto»

Gabriele Ruggieri

Chi si immaginava una Palermo che restava chiusa in casa dopo gli ultimi provvedimenti del governo nazionale probabilmente resterà deluso. Per le strade la gente c'è ancora. Non è tanta, in molti indossano la mascherina, qualcuno si copre il volto con la sciarpa, mentre c'è chi addirittura, quando incrocia una persona dall'altra parte del marciapiede, si porta la mano di fronte al naso. È il primo giorno con i bar chiusi, ma non solo, anche tutte quelle attività non ritenute di prima necessità hanno abbassato le saracinesche o comunque tengono le porte serrate per evitare la vendita al banco. E fu così che anche un negozio di fiori - giusto per citare una delle tante attività chiuse a metà - si è inventato la chiusura al pubblico, ma rimane disponibile per le consegne a domicilio. Stessa politica adottata da qualche esercizio della catena Ganci. Chiudono le librerie ma restano aperte le edicole, come anche i negozi che vendono cibo per animali, nessun bisogno di accalcarsi per accaparrare scorte per gli amici a quattro zampe, dunque. 

Ad affollare i marciapiedi ci pensano comunque le code di fronte ai supermercati, dove le persone attendono il proprio turno, spesso muniti di mascherina, rigorosamente ad almeno un metro e mezzo di distanza l'uno dall'altro. Poca psicosi, molta circospezione e un nemico comune: «Questi maleducati che facendo finta di niente saltano la fila», come spiega a più riprese una signora su via Dante. La preoccupazione più diffusa sembra essere l'apprensione sulla possibilità o meno che le forze dell'ordine chiedano l'autocertificazione alla gente che esce a piedi. 

Per ulteriore chiarimento, come ricordano le autorità: «Chiunque sia costretto a muoversi per motivi di lavoro, salute o necessità primarie deve provare tale necessità. In caso di controlli occorre pertanto compilare un'autodichiarazione che, come indicato sul sito del Governo, è in dotazione alle forze dell'ordine. Per facilitare e rendere più veloci i controlli, si invita comunque ad avere già copia della dichiarazione - che si può stampare da questo link -. Qualora non vi fosse la possibilità di stampare l'autocertificazione, si ricorda che le forze dell'ordine sono comunque tenute ad avere delle copie dei moduli».

Si continua a lavorare nei cantieri dell'anello ferroviario, con macchine attive anche in piazza Castelnuovo. Sulle saracinesche delle attività chiuse tanti i messaggi da parte dei negozianti, da chi annuncia la serrata arricchendo il proprio cartello con una foto del premier Giuseppe Conte, chi ancora scrive sulla vetrina «Andrà tutto bene, a presto», chi ancora rilancia l'hashtag #iorestoacasa. Chi a casa invece non ci resta, creando anche grossi problemi dal punto di vista della sicurezza, sono alcuni venditori abusivi, soprattutto palermitani. Capita ancora di trovare dei chioschi di frutta e verdura improvvisati per strada, dove non solo le norme di sicurezza imposte dal decreto sembrano non contare granché, ma in cui addirittura si creano assembramenti di persone che chiacchierano insieme in maniera conviviale e senza alcuna distanza di sicurezza. Un eccesso di normalità che potrebbe costare caro in tempi come questi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews