Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Almaviva, contro il Coronavirus niente smart working 
Solo postazioni alterne. «Chiudere subito i call center»

I dipendenti sono costretti ancora a recarsi in sede, portandosi da casa disinfettanti, mascherine e guanti. Impensabile, per alcuni, l'ipotesi di non andare a lavoro. «Si accettano donazioni da chi ha ferie, malattia o cassa integrazione perché a noi neanche quella spetta»

Silvia Buffa

«Come conoscitore delle condizioni malsane in cui si lavora in un call center, ho sentito il dovere etico e morale di lanciare l'allarme su questa situazione. Se non cambiamo velocemente le nostre abitudini, difficilmente ne usciremo fuori. Secondo me i call center e le realtà simili vanno, se non è possibile il telelavoro, chiusi non domani ma adesso». Tanti i lavoratori di Almaviva che, come sottolinea questo dipendente, stanno sollevando la questione sicurezza di fronte all'emergenza Coronavirus. Dopo la decisione del governo nazionale di espandere la zona rossa all'intero Paese, per molte aziende e attività è scattato il cosiddetto smart working. La possibilità, cioè, di continuare a lavorare da casa. Mentre ai negozi, fatta eccezione per chi vende generi alimentari e per le farmacie, è stato imposto di abbassare le saracinesche e sospendere le attività. Almaviva, però, non chiude. Né, però, ad oggi mette in condizione di lavorare da casa, come richiesto dai sindacati.

Ieri è partita una campagna con la quale l'azienda chiede ai 2800 lavoratori di comunicare le dotazioni informatiche di cui è in possesso presso la propria abitazione, al fine di poter lavorare da casa, «previo consenso da parte dei committenti». Intanto, per diminuire l'affollamento del terzo piano dell'edificio di via Cordova, il servizio Sky tra giovedì 12 marzo (38 risorse) e venerdì 13 (per intero) sarà trasferito in via Ugo La Malfa. Da oggi scatta la disposizione di sedersi a postazioni alterne, che comporterà di contro l'impossibilità di utilizzare circa metà delle postazioni per ogni turno. Per conciliare l'esigenza di sicurezza con quella di gestire il traffico, su Alitalia e sul numero di pubblica utilità disposto dal governo, il 1500, verrà esteso l'orario servizio in una fascia tra le 6 e 24 e verranno rimodulate le turnazioni e le libertà sui suddetti servizi. Ma così non basta, almeno a sentire dipendenti e sindacati.

«Pare che l'azienda stia chiedendo qualche sacrificio ai lavoratori, io lo trovo quanto meno inopportuno - commenta il segretario generale Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso -. Ma come, un tipo di lavoro così? Continuando ancora in spazi così piccoli? La prima cosa da fare, già da tempo, era cominciare a pensare come mettere questi lavoratori in condizione di lavorare dalle proprie case. Qua ne va della salute pubblica, ogni giorno la situazione si fa più grave». Intanto, una dei 2800 dipendenti di Palermo, Manuela Cunsolo, ha lanciato una petizione online diretta al ministro della Salute Speranza: «I call center sono un luogo di grande aggregazione e con molti dipendenti, che sono costretti a condividere le postazioni con tastiere e mouse nei cambi turno. Anche mantenere le distanze di sicurezza è praticamente impossibile. È una piccola città con centinaia di dipendenti. I dipendenti sono quindi seriamente esposti al Coronavirus». Oltre 500, a fronte delle mille necessarie, raggiunte in poche ore. Ma è davvero così, con una petizione online, che lavoratori esposti come questi devono chiedere tutele per salvaguardare la propria salute e quella degli altri?

Intanto, in queste ore, gli AlmaWorkers di Milano hanno formalmente chiesto ad Almaviva Contact di poter lavorare in sicurezza, in un ambiente sanificato e protetto. Chiedendo che l'azienda si adegui rispetto alle direttive del governo potendosi avvalere della tecnologia di smart working per limitare il rischio di contagio da Covid-19 anche a tutela del personale della sede di Segrate. Mentre per i dipendenti palermitani, su questo stesso fronte, non si hanno al momento novità. E in molti, tra loro, sollecitano a rimanere a casa in via precauzionale. «Dodici anni ad Almaviva e firmo ogni mese e non ho nulla, nessun diritto - commenta una dipendente -. Da casa come tutti i colleghi ci portiamo a nostre spese disinfettanti, mascherine e guanti. Si accettano consigli o donazioni da chi ha ferie, malattia o... Ci cede la sua cassa integrazione perché a noi neanche quella spetta... Alle favole qui non ci crediamo più da anni».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews