Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Rivolta contro i nomi: via Montanelli diventa via Destà
Altre due strade prendono il nome di vittime di tratta

Tre strade rinominate nella notte. I nuovi nomi sono quelli della 12enne comprata come schiava sessuale dal giornalista, e quelli di Loveth e Favour, brutalmente uccise a Palermo nel 2012. Con queste azioni si apre una raccolta firme per chiedere al Comune la sostituzione ufficiale

Silvia Buffa

Una rivolta contro i nomi. Quelli storici, di personaggi importanti di un passato neanche troppo lontano, da sempre sui cartelli di certe vie. Nomi che da stanotte non ci sono più, sostituiti da nomi nuovi. Tutti nomi di donne. Una si chiamava Destà e quando il famoso giornalista Indro Montanelli la compra come schiava sessuale ha solo 12 anni. Al posto di quella via che fino a ieri portava a caratteri grandi e neri il nome dell'uomo che l'aveva acquistata per farne la sua sposa bambina, da stanotte c'è il suo. Gli altri nomi apparsi su altre vie sono quello di Loveth Edward, nigeriana vittima di tratta uccisa e abbandonata accanto ai cassonetti della spazzatura di cortile Barcellona: è lì, nel luogo del suo abbandono, che ora un cartello in sua memoria la ricorda. E quello di Favour Nike Adekunle, ritrovata uccisa e bruciata tre giorni dopo il suo rapimento nelle campagne di Misilmeri: il suo nome adesso campeggia nel parco della Favorita, da dove fu rapita.  

La guerriglia odonomastica a Palermo non si ferma. A intervenire in questi tre diversi luoghi della città, in vista dell'8 marzo, sono stati il collettivo Fare Ala, il neonato collettivo femminista H e il gruppo di attiviste bosniache Crvena. L’intento è quello di proporre uno spunto per ripensare la storia in senso anti-coloniale e anti-patriarcale risemantizzando gli spazi che abitiamo. Re-intitolare via Indro Montanelli a Destà è un gesto che vuole mettere in discussione le figure, quasi esclusivamente maschili, celebrate nella toponomastica, che di fatto rispecchia una ben precisa versione della storia, che lascia ai margini e inascoltate le voci e le storie delle minoranze, degli oppressi, dei colonizzati e delle donne. Allo stesso tempo, l'intervento in via Montanelli è un preciso attacco a ciò che il giornalista rappresenta: un Paese che non ha mai veramente affrontato il passato coloniale e che continua a giustificarne i crimini con lo stereotipo dell'autorappresentazione “Italiani brava gente”.

L’azione di intitolazione con il nome di Destà attraverso la guerriglia odonomastica si completa con altri due interventi che hanno come protagoniste due donne vittime della più recente tratta della prostituzione, legando il razzismo e la violenza del passato con quelle del presente. Il primo intervento si è svolto nella via dedicata al giornalista, poco lontano da viale della Regione Siciliana. Gli attivisti hanno deciso di riporre l'attenzione sulla figura di Montanelli sulla scia dell'azione intrapresa lo scorso 8 marzo dalle attiviste di Non Una Di Meno contro la statua dei giardini Indro Montanelli a Milano. In questo caso, il gruppo ha proposto la sostituzione dell'insegna di via Montanelli con l'affissione di una nuova targa intitolata appunto a Destà, la ragazza eritrea di 12 anni che Montanelli comprò durante l'invasione dell’Etiopia nel 1936.

Il secondo intervento è stato realizzato nel cortile Barcellona. Qui i tre collettivi hanno affisso una targa dedicata a Loveth, prostituta ventiduenne di origine nigeriana trovata senza vita proprio all’incrocio tra quel cortile e via Juvara, il 6 febbraio 2012. Il terzo intervento ha avuto luogo al parco della Favorita con una targa per commemorare Favour, rapita nel parco il 15 dicembre 2012. «Il nostro intento è di stimolare una riflessione sulla violenza e sul razzismo in un paese che ancora fatica a confrontarsi con l'eredità di un passato coloniale e patriarcale», spiegano gli attivisti. Con queste azioni si apre anche una raccolta firme che si potrà sostenere attraverso questo link http://chng.it/59MNkGnCz8, e che servirà a supportare la richiesta ufficiale al Comune di Palermo per la sostituzione di via Montanelli in via Destà e successivamente per la creazione di targhe permanenti dedicate a Loveth Edwards e Favour Nike Adekunle. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews