Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, un gigante dai piedi di argilla
Il ko con il Licata tarpa le ali ai rosanero

La sconfitta del Savoia a Messina lascia tutto invariato in vetta alla classifica ma è solo una piccola consolazione per la capolista che, soprattutto in relazione al primo tempo, deve recitare il mea culpa per il modo in cui ha interpretato la partita

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Nessun decollo verso orizzonti di gloria. Il Palermo rimane a terra. La squadra che ha perso 2-0 a Licata non è nelle condizioni di spiccare il volo o abbozzare tentativi di fuga. La sconfitta rimediata dal Savoia sul campo dell’FC Messina è senza dubbio una bella notizia per i rosanero ma, in relazione ai fatti di oggi, resta comunque una magra consolazione per un Palermo che commetterebbe un errore se speculasse sui problemi altrui. Sarebbe molto più utile concentrarsi sui propri comportamenti e sulle dinamiche delle proprie partite piuttosto che fare leva sull'andamento o i risultati della diretta inseguitrice. Se in vetta alla classifica non è cambiato nulla con il gap tra la prima e la seconda rimasto di sette punti, qualcosa invece è cambiato all’interno di una compagine rosanero che allo stadio Liotta ha interrotto bruscamente il proprio cammino impreziosito da cinque vittorie consecutive rimediando la prima sconfitta del girone di ritorno e, contestualmente, il primo ko in trasferta in questo campionato.

A Licata, davanti a oltre mille tifosi rosa in uno stadio sold-out e avvolto da un clima di festa per quello che i sostenitori locali hanno vissuto come un grande evento, la formazione di Pergolizzi si è rivelata un gigante dai piedi di argilla, un re (status legittimato dalla leadership in classifica) nudo con un potere ridimensionato dall’intensità e abnegazione di un Licata garibaldino e costantemente sul pezzo. Le colpe del terzo passo falso in campionato vanno distribuite in maniera equa e una grossa fetta di responsabilità spetta di diritto anche a Pergolizzi. Bravo e fortunato più di una volta nelle ultime settimane a leggere le gare e indovinare le mosse anche a partita in corso, questa volta il tecnico ha steccato effettuando in merito all’undici iniziale delle scelte cervellotiche che non hanno sortito effetti. Va bene cavalcare l’onda e schierare Silipo per la prima volta dal primo minuto ma perché l’evanescente Ficarrotta falso nove con tre centravanti puri (Lucca, Ricciardo e Sforzini) contemporaneamente in panchina? Perché Mauri e non Martin in cabina di regia? E perché sul fronte offensivo insistere su Floriano che, nonostante qualche spunto, fatica a mettere le sue qualità al servizio del collettivo?

Avere tante frecce nella propria faretra può essere una risorsa purché l’abbondanza, però, venga gestita in maniera efficace e senza alchimie che rischiano solo di fare confusione e alterare equilibri importanti. Con il senno di poi è sempre più facile, ovviamente, ma la sensazione supportata dal campo è che Pergolizzi abbia sbagliato formazione e, nello stesso tempo, la squadra ci ha messo del suo regalando di fatto il primo tempo agli avversari (era successa la stessa cosa domenica scorsa al Barbera contro il Biancavilla) e svegliandosi solo nella ripresa (frazione di gioco nella quale, ad onor del vero, gli ospiti avrebbero meritato il gol negato dalla sfortuna - due legni colpiti - e dall’imprecisione dei singoli, Floriano in primis servito due volte da Lucca che ha avuto un buon impatto quando al 59’ è entrato al posto del difensore Peretti) senza, tuttavia, la lucidità necessaria per capitalizzare il volume di gioco sviluppato al cospetto di un Licata ormai stanco e con un baricentro molto più basso rispetto alla fase iniziale del match.

I gialloblù, al terzo successo di fila allo stadio Liotta dove non perdono da ottobre, dopo la batosta di Torre Annunziata hanno avuto il merito di essere cinici e concreti, aggettivi introvabili oggi nel vocabolario a disposizione della capolista che, come si evince anche dal nervosismo di alcuni giocatori esperti come Lancini (responsabile in occasione del gol del definitivo 2-0 di Convitto) e Crivello, ha fallito un test di maturità soprattutto sul piano della tenuta mentale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews