Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tornati dalla Cina, sottoposti a profilassi dopo le paure
Succede a Campofelice. Sindaca: «Diffuse false notizie»

I timori e le voci incontrollate, dopo il ritorno dall'Asia di una famiglia che vive da tempo in Sicilia, hanno spinto la prima cittadina Michela Taravella ad attivare i protocolli disposti dal Ministero della Salute. «Per evitare che fossero vittima di giudizi sommari e dolorosi»

Andrea Turco

«Al fine di fugare ogni dubbio in merito a notizie false e infondate, irresponsabilmente messe in circolazione, sulle presunte condizioni di salute non favorevoli di alcuni nostri concittadini, rientrati di recente dalla Cina, comunico alla cittadinanza che non sussiste alcuna situazione di pericolo, né circostanza tale da procurare allarme o richiedere particolari tipi di precauzione». Sono le 14 e 30 quando Michela Taravella, sindaca del Comune di Campofelice di Roccella, sceglie di diffondere una nota sui social per tranquillizzare la popolazione della cittadina Palermitana a ridosso di Cefalù.

La paura del Coronavirus, infatti, si è diffusa da qualche giorno anche nella solitamente tranquilla Campofelice. A gettare nel panico le persone è l'arrivo, nei giorni scorsi, di una famiglia di etnia cinese che, pare, sarebbe rientrata in Sicilia dopo aver trascorso nei luoghi d'origine il capodanno cinese. Da quel momento cominciano a circolare voci incontrollate sullo stato di salute dei componenti della famiglia. Sia i controlli effettuati in Asia che quelli all'aeroporto Punta Raisi - dove da qualche giorno i tecnici del ministero della Salute e della Croce Rossa Italiana effettuano un'attività di screening della temperatura corporea per i passeggeri in arrivo con i voli internazionali - avevano però escluso per tutti febbre e congiuntivite, ovvero i sintomi principali del virus influenzale che sta terrorizzando il mondo. Ma ciò non sarebbe bastato agli abitanti di Campofelice, che hanno sollecitato ulteriori esami dopo la raffica di voci e timori che si sono diffusi tra le piazze del paese e le piazze virtuali. Ecco perché la sindaca Taravella, in qualità di autorità sanitaria locale, ha richiesto, come racconta lei stessa, «l'attivazione dei protocolli disposti dal Ministero della Salute e richiesto la profilassi necessaria, al fine di escludere ogni dubbio in merito alla presunta diffusione del virus».

Gli ulteriori controlli sono stati effettuati in collaborazione con l'Asp, il Dasoe (il Dipartimento di attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico) e la dirigente Letizia Di Liberti (responsabile regionale della gestione dell'emergenza sanitaria relativa alla diffusione del Coronavirus). Direttamente presso l'abitazione della famiglia. «Abbiamo provveduto a gestire la vicenda con la massima tempestività e riservatezza - scrive ancora la prima cittadina - per tutelare la comunità tutta e in particolare, per salvaguardare, con il più riverente rispetto, la delicata situazione della famiglia di nostri concittadini interessata, al fine di evitare che, per ignoranza o per inesattezze, fosse vittima di giudizi sommari e dolorosi. Da tali responsi, conseguenti alla deprecabile e irresponsabile diffusione di notizie fuorvianti, risultate assolutamente false, ci si dissocia fermamente, esprimendo la più dura condanna. Dai controlli eseguiti, disposti in via meramente precauzionale e senza alcuna imposizione da parte di alcuna autorità, tutti gli interessati sono risultati negativi al virus e pertanto in ottimali condizioni di salute».

Uno zelo, dunque, che Taravella giustifica con la necessità di garantire la necessaria tranquillità a una comunità spaventata che, forse, avrebbe potuto dare vita ad atti discriminatori e di vero e proprio razzismo come già avvenuto in tante altre parti d'Italia. In tanti hanno mostrato di apprezzare il tempestivo intervento. Ma sui social c'è anche qualche critica. «Se volevate cautelare la famiglia non sareste dovuti intervenire nemmeno così, con l'ambulanza, i vigili, le protezioni da pittura - afferma ad esempio Tiziana Inchiappa - Quantomeno, visto che eravate stati avvisati, avreste potuto attenderli all'entrata del paese quando sono rientrati e accompagnarli cautelativamente in un luogo tranquillo lontano da occhi indiscreti con un normalissimo controllo e basta cosi. Perché oltretutto in aeroporto gli avranno già fatto i controlli, quindi la scenata è stata superflua».

Critiche che però la stessa sindaca respinge, in maniera pacata. «Si è trattato di controlli di rito. Nessuna forzatura, tutto si è svolto in un clima sereno - commenta a MeridioNews - La famiglia abita in una stradina di paese, perciò la presenza dei sanitari è saltata all'occhio. Ecco perché mi sono recata io stessa in prima persona, visto il mio ruolo e considerata la fiducia che un sindaco deve trasmettere ai cittadini. Ho tranquillizzato i residenti, ritenendo come mamma di dover tutelare una comunità. Voglio chiarire che questo controllo è servito soprattutto per consentire alla famiglia in questione, che da tempo è ben integrata, di continuare a vivere in serenità. Campofelice si è sempre contraddistinta per essere un luogo di accoglienza». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews