Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

«Palermo è la mia città preferita, resto qui per sempre»
La reazione di Kande, vittima di un'aggressione razzista

Il 19enne è stato accerchiato e pestato da una trentina di ragazzi in via Cavour, che lo hanno offeso gridandogli «negro di merda». L'episodio ha suscitato l'indignazione generale. Fausta Ferruzza: «Non si deve tacere, altrimenti si rischia di farla diventare normalità»

Silvia Buffa

«Sono io il ragazzo aggredito sabato sera. Ed urlo con voce alta che Palermo è una bellissima città accogliente antirazzista». È lui il primo a cercare di sedare ogni polemica. Ci prova, Kande, condividendo i suoi sentimenti d'amore per la sua città, la stessa dove ieri è rimasto vittima di un branco di razzisti, che lo hanno prima insultato per il colore della sua pelle e poi lo hanno pestato nella centralissima via Cavour. Dove, prima che qualcuno intervenisse per aiutarlo prendendo le sue difese e chiamando anche la polizia, si era creato un cerchio di gente intenta a guardare. «A Palermo ci sono tante belle persone, io mi trovo veramente benissimo qui, ci sono pochi...quelli stronzi, che non sono mai usciti fuori Palermo: gli consiglio di girare un po' il mondo e vedere come funzionano le cose, sono veramente animali, troppo chiusi, essere nero o bianco che senso ha? - si domanda il 19enne vittima dell'aggressione -. Non ho più parole, comunque a Palermo ci sono sempre tante belle persone, non siete tutti razzisti, a Palermo i razzisti ci sono, ma sono pochissimi. Palermo è la mia città preferita e ci rimarrò per sempre».

Intanto l'episodio, raccontato via social da un uomo che conosce i due ragazzi intervenuti in difesa di Kande e divenuto subito virale, ha suscitato l'indignazione generale. Innescando anche non poche domande e riflessioni. «Come Forum Antirazzista Palermo stiamo valutando se organizzare un momento mirato legato a quanto successo - spiega Fausta Ferruzza, da sempre in prima linea contro il razzismo -. Credo che lui adesso voglia essere lasciato un po' in pace dall'attenzione dei riflettori, anche se si è già esposto abbastanza, mettendoci addirittura la faccia. Lui, come anche sua mamma. Kande ha ragione, i razzisti a Palermo sono pochissimi. Ma intanto ci sono e sono pericolosissimi, se arrivano a tanto». A fare da sfondo all'aggressione contro il 19enne, infatti, sarebbero state frasi offensive legate al colore della sua pelle, «negro di merda», avrebbero detto i ragazzi che lo hanno accerchiato per strada, connotando quel pestaggio. «Il clima purtroppo è cambiato e anche qui Palermo si fa sempre più intollerante - spiega Ferruzza -, facciamo i conti con questo ad ogni volantinaggio di sensibilizzazione che organizziamo. Questo purtroppo non è nemmeno il primo episodio, ce ne sono stati parecchi anche fuori, da Bagheria a Partinico. Non siamo esenti, purtroppo».

Cosa fare, quindi, di fronte a un clima che diventa sempre più pericoloso? «Raccogliere l'esempio dato in prima persona da questo ragazzo, dall'ennesima vittima, e continuare a parlarne - dice ancora Fausta Ferruzza -. Non rassegnarsi e soprattutto non farla diventare la normalità. E battersi per cose concrete, come l'abolizione dei decreti sicurezza, fortemente penalizzanti e che additano le persone straniere come il nemico, o ancora gli accordi rinnovati con la Libia, che significa continuare a fregarsene della sorte delle persone». Da qui, secondo l'attivista palermitana, occorre urgentemente ripartire, se si vuole che le cose cambino. Intanto, a esprimere solidarietà per Kande ci sono anche gli esponenti della Lega a Palermo, che definiscono l'aggressione un episodio «vergognoso», condannando fortemente questo atto di estrema violenza. «Purtroppo negli ultimi mesi il "branco" ha colpito più volte a Palermo, prendendo di mira indistintamente giovani e anziani, uomini e donne. Senza badare al colore della loro pelle, ci sono state decine di aggressioni. La verità è che Palermo è una città tutt'altro che sicura, nonostante il grande lavoro che fanno gli uomini e le donne delle forze dell'ordine», scrivono i consiglieri Igor Gelarda e Alessandro Anello. 

«Servono istanze concrete - torna a dire Fausta Ferruzza -. Speriamo che la gente si attivi nel quotidiano. Continuare a raccontare episodi del genere, quando purtroppo accadono, è giusto e necessario nell'ottica della sensibilizzazione, magari senza esporre troppo le vittime. Non si può sorvolare né sottovalutare una cosa del genere. Spero che i responsabili vengano presto individuati e puniti, confido nelle telecamere presenti nella zona. Noi, come associazione, continuiamo a portare avanti il nostro impegno di sensibilizzazione e di denuncia politica, ci riuniremo e decideremo il da farsi, sempre rispettando il volere di Kande ovviamente. Penso sia giusto non tacere e non sottovalutare. Purtroppo temo che ce ne siano stati altri di episodi simili, rimasti totalmente sotto silenzio e di cui non si viene a sapere nulla. So che - racconta infatti - di aggressioni agli ambulanti ce ne sono all'ordine del giorno, purtroppo. E che spesso sono proprio le vittime a volere che non si sappia quanto hanno subito, preferendo dimenticare tutto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews