Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La reazione di Palermo dopo la citofonata di Salvini
Il sit-in della comunità tunisina: «Io spaccio amore»

Tanti i cittadini che si sono ritrovati in piazza Pretoria. Un'occasione per ribadire il proprio «no all’odio, alla discriminazione e al decreto sicurezza», alla luce del gesto compiuto dal leader della Lega nel quartiere Pilastro di Bologna. Guarda le foto

Antonio Melita

Foto di: antonio melita

Foto di: antonio melita

Da tutta la Sicilia si sono radunati cittadini tunisini, attivisti, associazioni, partiti politici e vari movimenti politici nazionali ed internazionali, nonché comuni cittadini. Tutti in piazza Pretoria per il sit-in organizzato dalla consigliera della Consulta delle Culture e rappresentante della comunità tunisina a Palermo Nadine Abdia. Una manifestazione nata dall'esigenza di prendere posizione contro il gesto compiuto settimane fa dal leader della Lega Matteo Salvini, che a Bologna, nel quartiere Pilastro, ha citofonato a casa di Yassin, 17enne di origine tunisina, chiedendogli se fosse uno spacciatore. Un episodio che ha suscitato subito parecchie polemiche. 

Nadine Abdia ha voluto ringraziare il sindaco di Palermo, presente anche lui al sit-in, perché «la scelta di manifestare sotto Palazzo delle Aquile significa che noi tunisini ci sentiamo cittadini palermitani. Noi siamo qui per dire che la comunità tunisina non è straniera, ma parte integrante di questa città», ha sottolineato infatti la consigliera. Al sit-in presente anche l’onorevole Sami Ben Abdelaali, della commissione Affari Esteri del Parlamento tunisino, che è stato il primo a condannare il «comportamento inqualificabile» dell’ex ministro dell’Interno e a chiedergli di porgere le sue scuse alla famiglia tunisina coinvolta. 

«Il gesto di Salvini non dà l’immagine vera dell’Italia, che è un Paese con una grande tradizione di ospitalità, tolleranza e amicizia - ha affermato il parlamentare -. È un episodio che bisogna dimenticare, per noi che lavoriamo per i buoni rapporti tra i due Paesi». A scendere in piazza anche l’ex governatore Rosario Crocetta, residente in una città vicino Tunisi, che ha voluto rimarcare la vicinanza della Sicilia. «Non sono assolutamente di passaggio, ho voluto partecipare a questa manifestazione perché sono molto vicino al popolo tunisino, che è stato offeso da quella citofonata. Mi auguro - ha aggiunto - che si possa vincere la battaglia contro il decreto sicurezza, che ha dei connotati anticostituzionali e discriminatori», ha continuato Crocetta, ponendo l’accento sull’allarme razzismo che sta scuotendo l’Italia e che «non va assolutamente sottovalutato».

«Non voglio annoiare o far vergognare nessuno, quindi non parlerò di Matteo Salvini - ha esordito, invece, il sindaco Orlando, anche lui a fianco della comunità tunisina radunata a piazza Pretoria -. Per me il Mediterraneo non è un mare che divide, ma un continente di acqua che unisce, perché siamo tutti palermitani», ha concluso il primo cittadino. Oltre alla Consulta delle Culture, alla manifestazione hanno aderito anche la Consulta della pace, Rifondazione Comunista, Cgil Ragusa, il Ciss - Cooperazione Internazionale Sud Sud, Mete Onlus, Leu - Sinistra Italiana, l’associazione Adduma - avvocati dei diritti umani, Forum Antirazzista, Uniti Senza Frontiere e la maggior parte delle comunità di migranti presenti a Palermo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews