Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Call center, lavoratori in corteo per lo sciopero regionale
«Noi in questi anni abbiamo mandato avanti la baracca»

Hanno partecipato solo i lavoratori delle aziende in outsourcing di Palermo, mistero sul treno che da Catania doveva far arrivare altri manifestanti. Oltre ad Almaviva, presenti in piazza anche i dipendenti delle aziende Experia, Comdata e Abramo

Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Poche centinaia di lavoratori dei call center hanno risposto alla chiamata allo sciopero regionale del settore outsourcer indetto dalle sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil e Ugl. In attesa comunque del dato di astensione dal lavoro, il corteo - partito da piazza Croci e diretto alla Prefettura - ha visto la partecipazione di una minima parte degli addetti su cui pesa il rischio di licenziamento dopo la riduzione dei volumi di traffico e la delocalizzazione verso Albania e Romania. Mistero sul treno che da Catania doveva far arrivare altri manifestanti.

Oltre ad Almaviva, presenti in piazza anche i lavoratori delle sedi di Palermo delle aziende in outsourcing Experia, Comdata e Abramo, su quest’ultimi pesa la minaccia di esuberi per 150 operatori. «50 centesimi lorde a chiamata è la nostra retribuzione - afferma Marilena, operatrice con contratto Lap in Almaviva - Con le poche telefonate che ci fanno gestire, la maggior parte sono segreterie telefoniche, riusciamo a fine mese ad arrivare al massimo a 300 euro lavorando sino ad 8 ore al giorno». E poi aggiunge: «Anche se nessuno parla di noi, anche se siamo peggio degli appestati oggi abbiamo deciso di farci vedere e di scioperare perché Almaviva non chiuda. Non deve dimenticare mai che, in questi anni, siamo stati quelli che hanno tirato la baracca».

Le fa eco Diana, un'altra lavoratrice: «Il problema è la delocalizzazione delle chiamate all’estero, hanno spostato tutto nei paesi dell’est, lasciando a noi liste di chiamate inservibili - continua l’operatrice Lap - La nostra è diventata una paghetta e non abbiamo diritto ad alcun ammortizzatore sociale». E un altro operatore spiega le ragioni dello sciopero che «deve avere la valenza di garantire la permanenza dell’azienda in Italia -  afferma Guglielmo, operatore Almaviva in outbound - Chiediamo una task force nazionale e speriamo che Leoluca Orlando e Nello Musumeci possano portare le nostre richieste a Roma». Presente anche il deputato regionale Vincenzo Figuccia. 

Alla sfiducia nei sindacati e nelle solite azioni di protesta, fa da contraltare la stima verso il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, al quale è stata riservata una grande ovazione non appena giunto e posizionatosi dietro lo striscione di apertura del corteo. «La vicenda palermitana sta dentro una vicenda nazionale. In Italia il settore dei call center vive un momento di particolare difficoltà: sono in ginocchio migliaia e migliaia di famiglie, con una punta acuta di crisi a Palermo che è la città d’Italia con il maggior numero di occupati nel settore - ha affermato il sindaco - Il Comune sarà presente al tavolo istituzionale del 31 gennaio. Ho anche scritto una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, chiedendogli attenzione particolare per la città di Palermo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews