Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Piazza Verdi, flash mob contro la violenza sulle donne
«E a curpa unn'era mia, né unni ia, né comu mi vistia»

Dopo la manifestazione organizzata in Cile, anche a Palermo in centinaia si sono riunite davanti al Teatro Massimo contro la violenza di genere, per dire no a stupri, patriarcato e colpevolizzazione delle vittime. «Abbiamo risposto a una chiamata da Sud a Sud»

Antonio Melita

Foto di: antonio melita

Foto di: antonio melita

Centinaia di donne hanno animato il flash mob promosso da Non Una Di Meno Palermo e Arci contro lo stupro e la violenza patriarcale sulle donne, sull’onda delle manifestazioni che hanno preso vita dopo quella organizzata in Cile dal collettivo femminista #Lastesis. «Noi crediamo che questo flash mob sia un grido di forza delle donne che in tutto il mondo si stanno unendo per gridare che la colpa è del patriarcato e per urlare contro la colpevolizzazione delle vittime», afferma Ludovica di Non Una di Meno Palermo.

«Per noi oggi è stato importante rispondere a questa chiamata “da Sud a Sud” ed è per questo che abbiamo tradotto alcune parti in siciliano, perché crediamo che sia importare partire dalle specificità dei territori», ha concluso la giovane attivista. Il flash mob è durato quattro minuti ed ha richiamato l’attenzione di turisti e passanti a pochi passi dal Teatro Massimo, dove questa sera andrà in scena la prima dell’opera Parsifal.

Dopo il fischio iniziale, al ritmo dei tamburi della Crispeace Tribal Band, è partita la performance sul testo originale della prima manifestazione cilena, arricchito da alcune parti in siciliano: «U patriarcato ni struppia, scinni fimmina, abbannia», e ancora «E a curpa unn'era mia, né unni ia, né comu mi vistia». «Vogliamo trasmettere in pochi minuti la forza che noi tutte insieme possiamo costruire, riconoscendo la violenza troppo spesso taciuta - continua l'attivista - e ribaltando gli stereotipi sessisti» perché «Nuatri ittamu vuci. Un la vulimu a cruci di tutti chiddi fimmini ca chiú un'hannu vucidato che lo stupratore sei tu».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews