Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

«Fermare la strage di alberi in città»
L'appello del M5s alla giunta Orlando

Redazione

A Palermo pare imperversare una nuova e inarrestabile fobia verso gli alberi. Non vi è giorno, infatti, in cui non giungano voci di abbattimenti di alberi in ogni parte della città. Dopo gli alberi di corso Calatafimi, l'accanimento fitofobico, ultimamente, ha interessato i platani di via Libertà e ora si parla anche di una imminente eradicazione dell'albero simbolo all'interno della Chiesa dello Spasimo. Insomma, l'ascia dei "boscaioli" comunali sembra non arrestarsi mai. Il che, in un epoca in cui si parla di problemi ambientali legati all'iperproduzione di CO2 (che le piante, non lo si dimentichi, assorbono, restituendo ossigeno), appare a dir poco assurdo e paradossale.

A maggior ragione quando a promuovere l'abbattimento è una amministrazione che si definisce progressista e che dovrebbe - nel rispetto del principio logico della "non contraddizione" - essere in linea con il "green deal" promosso dal governo nazionale, piuttosto che con le logiche in stile Trump, che è indifferente nei confronti dell'inquinamento e dell'effetto serra. 

A Palermo è finora mancata una reale attenzione verso il verde e la manutenzione è palesemente inadeguata, tanto che al primo alito di vento, molti rami (che non sono stati potati a tempo e luogo) si spezzano inesorabilmente. Inoltre non è mai stata rispettata legge n°113 del 1992 che impone, nei Comuni con oltre 15mila abitanti, di piantare un albero per la nascita di ogni bambino.

Tralasciando gli aspetti estetici, in quanto gli alberi concorrono in maniera determinante all'arredo urbano e alla definizione di una immagine civile ed "europea" della città (cosa che a parole starebbe a cuore al nostro "beneamato" sindaco), ci dica dunque l'assessore Giambrone per quale impellente ed incontrovertibile motivazione si sta privando, albero dopo albero, la città di Palermo del suo patrimonio arboreo e ci confermi, se ha davvero attendibili valutazioni peritali in suo possesso, se ci sono inappellabili ragioni di sicurezza per i cittadini o cause ambientali di salvaguardia degli altri alberi (come malattie infettive in grado di propagarsi senza controllo). L'assessore ci dia una risposta valida, perché la cittadinanza è stanca di quello che appare come l'ennesimo sopruso, espressione di un modo autoritario di intendere l'amministrazione della cosa pubblica. 

Va anche aggiunto che la tanto sbandierata presunta malattia dei platani non sempre rappresenta una condanna a morte. In Cina, ad esempio, mettono in atto tecniche con tiranti d'acciaio per rendere stabile il tronco. Molto più semplice attuare interventi di questo tipo, piuttosto che attendere decenni per la crescita dei nuovi arboscelli da porre a dimora. 

(fonte: M5s - deputato Aldo Penna - consigliera Concetta Amella)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews