Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

«Forte presenza dello Stato? Solo una prova di forza»
Non solo arresti. Allo Zen servono soprattutto diritti

Per la presidente del Laboratorio Zen Insieme Mariangela Di Gangi il modo migliore per le istituzioni di essere nei quartieri più difficili non passa solo da indagini e operazioni. Ma soprattutto dall'assegnare le case, aprire le scuole, curare gli spazi e annientare il degrado

Redazione

«Chi aprirà il giornale domani o chi l'ha già aperto in queste ore leggerà di due arresti allo Zen». Inizia così il video che Mariangela Di Gangi, presidente del Laboratorio Zen Insieme, ha trasmesso attraverso la pagina Facebook dell'associazione, concedendosi una riflessione a cuore aperto sul modo di presentare e anche di commentare l'operazione avvenuta questa mattina nel quartiere. Che ha portato in manette due uomini con l'accusa di tentato omicidio. «Quello che ci colpisce - prosegue Di Gangi, alludendo a chi, come lei, opera in un territorio che conosce ormai bene -, è la frase con cui oggi un'operazione che dispiegava cento uomini, un elicottero e le unità cinofile definiva tutto questo "una forte presenza dello Stato in via preventiva e repressiva in uno dei quartieri più complicati della città". Lo sappiamo anche noi che lo è. Questo ci offre il pretesto per ribadire delle cose banali, ovvie, che però a quanto pare ancora serve dire».

«Una forte presenza dello Stato in quartiere come questo - prosegue - vuol dire scuole aperte, vuol dire bonificare, espropriare, rendere fruibili e prendersi cura delle tante, troppe aree ancora degradate e lasciate in mano all'immondizia. Una forte presenza dello Stato in quartiere come questo vuol dire avere mezzi di trasporto efficienti ed efficaci, e fruibili anche questi. Una forte presenza dello Stato in quartiere come questo vuol dire assegnare le case che le persone abitano, significa certezza, ad esempio dei fondi destinati ai servizi e alle persone - che scarseggiano -, sia quelli destinati alle periferie di cui si è tanto, troppo parlato e di cui non si sa che fine abbiano fatto», dice la presidente.

«Una forte presenza dello Stato in quartiere come questo vuol dire garantire non solo un uguale atteggiamento dal punto di vista giudiziario e repressivo, ma garantire anche uguali diritti a partire dalla carta d'identità - aggiunge ancora -, che qui sembra diventata un privilegio e non un diritto elementare quale dovrebbe essere. Una forte presenza dello Stato in un quartiere come questo scopriamo, quindi, che ancora una volta oggi significa cento uomini, un elicottero, l'unità cinofila e un dispiegamento di forze tali che ha portato a degli arresti che evidentemente andavano fatti. Però, per quanto ci riguarda, quello che oggi è Stato in realtà non è Stato, è stata una prova di forza e non "una forte presenza dello Stato"».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews