Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Arriva in città la prima Rage Room del Meridione
«Terapia contro lo stress tra divertimento e sfogo»

Spaccare tutto per essere felici: potrebbe essere questo lo slogan della stanza della rabbia. Dopo il successo mondiale, a fine gennaio l'apertura nel capoluogo siciliano. «Si potrà scegliere una playlist personale e portare oggetti propri che non si sopportano più»

Andrea Turco

«Magari chiedo al sindaco Orlando qualche supporto, la Rage Room potrebbe rivelarsi utile per il Comune di Palermo». Scherza Alessandro Augello, il giovane imprenditore che ha scelto di aprire nel capoluogo siciliano la prima Rage Room del Sud. Letteralmente la stanza della rabbia, la Rage Room è uno spazio insonorizzato dove sfogare rabbia e frustrazioni rompendo letteralmente tutto ciò che si ha attorno. Si tratta di luoghi chiusi dove si viene forniti di armi e oggetti e mobili da distruggere, per scaricare tensioni e malumori. E, perché no, divertirsi.

La data prevista per l'apertura è fine gennaio. Ma sono già in tanti i curiosi che chiedono ad Augello le modalità e le caratteristiche della Rage Room, già pronta in via Giuseppe Patania (zona Olivella) e che attende soltanto gli ultimi permessi. Nate in Giappone negli anni Novanta, con l'intento di liberare lo stress degli impiegati, e diffusesi poi negli Usa e nel resto del mondo, le Rage Rooms hanno avuto in pochi anni un notevole boom. Da strategia aziendale a successo commerciale, il passo è stato breve. E così ne sono state aperte quattro in Italia: la prima a Legnano, in provincia di Milano, poi Bologna, Forlì e Roma

«La nostra sarà la prima del Sud Italia - dice con un certo orgoglio l'imprenditore palermitano -, da Napoli stanno prendendo spunto da noi e ne apriranno una anche lì nei prossimi mesi. Ogni Rage Room viene personalizzata. La nostra regola base è la durata, che sarà di 15 minuti, che mi pare proprio quella giusta per una sorta di funzione terapeutica. Il costo poi cambia a seconda di quel che vuoi distruggere. Verranno fornite anche le armi, come il martello o il piede di porco. E ciascuno potrà indicare una playlist personale. Ci sarà poi una telecamera che riprenderà tutto, sia per motivi di sicurezza che per dare l'opportunità di potersi riguardare a casa con gli amici. Inoltre si potranno portare anche oggetti propri, magari quelli che non si sopportano più ma che non si ha il coraggio di gettare via. Infine, verranno ovviamente garantite tutte le protezioni possibili, per proteggere le persone dalle eventuali schegge».

I prezzi andranno da 15 euro in su, a seconda delle condizioni scelte. E se gli esperti diffidano a dare valore terapeutico all'esperienza della Rage Room, in fondo ciascuno si diverte come vuole. Lo sfogo personale all'interno delle stanze della rabbia resta, appunto, confinato in quattro mura e non nuoce a nessuno. O no? «In questo periodo storico contrassegnato dalla rabbia ce n'è davvero bisogno - commenta Augello - Chi l'ha provata dice di aver avuto magari un atteggiamento iniziale diffidente, ma poi racconta di essersi ritrovato fisicamente stanco, perché in quel quarto d'ora ci si riduce una pezza, e più leggero interiormente. Penso ad esempio alla nostra città, con tutti i guai che abbiamo: magari dopo una giornata persa nel traffico uno ha i nervi tesi a fior di pelle. Invece di tornare a casa in quelle condizioni, potrà venire alla Rage Room e scaricare così lo stress accumulato, per essere poi di nuovo sereno a contatto con gli altri».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews