Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il Giardino Inglese intitolato a Piersanti Mattarella
Nuovo nome per la villa, ma anche vecchi problemi

La grande area verde in centro da oggi porterà il nome dell’ex presidente della Regione ucciso dalla mafia. Ma alla targa nuova fanno da contraltare questioni antiche legate ai piccoli e grandi interventi ancora da realizzare per una fruizione completa di tutto il giardino

Massimo Gucciardo

A circa 170 anni dalla sua apertura, il Giardino Inglese ha una sua intitolazione: Parco Piersanti Mattarella. La cerimonia di scopertura della targa si è svolta stamattina in via Libertà, in occasione delle commemorazioni per il 40esimo anniversario dell’omicidio dell’ex presidente della Regione (fratello del presidente della Repubblica), avvenuto il giorno dell’Epifania del 1980 a poche centinaia di metri in linea d’aria dallo spazio verde.

Alla presenza dei familiari di Mattarella, delle autorità civili, militari e religiose, oltre che a circa un migliaio di cittadini, il sindaco Leoluca Orlando ha spiegato la decisione sostenendo che «questo non è un gesto di freddo ricordo, ma serve per fare memoria. È un omaggio che l’amministrazione comunale fa con gratitudine, dedicandogli il giardino che sorge in via Libertà, dove abitava, di fronte al cippo che ricorda Falcone, e cinto dalla via dedicata al generale Dalla Chiesa». Un politico, un rappresentante delle istituzioni che, ricorda il sindaco, «è stato un resistente della Costituzione, un eversivo in un sistema criminale e non trasparente. Mattarella impartiva il rispetto per il primato della politica con una tensione etica, e ci insegna che è possibile essere liberi dalla paura parlando con chi è diverso da noi».

Il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, osserva come l’omicidio Mattarella «fu una dichiarazione di guerra della mafia allo Stato, fino alle stragi del ’92-’93. Quella mafia la guerra non l’ha vinta, le istituzioni hanno reagito, hanno eretto la legislazione antimafia che il mondo ci invidia e che ha consentito di minare profondamente il braccio militare della mafia. Ma non ha nemmeno perso, perché la sua capacità di penetrazione e condizionamento inquina l’economia nazionale. Gli amministratori locali subiscono atti intimidatori e si sentono troppo soli. Se la mafia non ha vinto e non ha perso, è perché quel lavoro che Mattarella aveva iniziato, di rinnovamento profondo delle istituzioni, va ancora completato a tutti i livelli per formare una nuova classe dirigente che rompa una tradizione di connivenze e complicità coi poteri criminali».

Così, ora che la parte più estesa del giardino all’inglese ha un suo nome (la porzione più piccola, a monte di via Libertà, il cosiddetto parterre, invece è intitolata da più di un decennio ai magistrati Giovanni Falcone e Francesca Morvillo), si auspica che tale importante riconoscimento possa aiutare le sorti di una villa che – anche a causa della sua estensione – presenta delle note dolenti di lungo corso.

La lista comprende la serra liberty, struttura che si trova vicino alla casa del custode e che versa in stato di abbandono, con vetri mancanti o rotti, cestini divelti, scritte spray. Ambiente che ha perso la sua ragion d’essere, vista la totale assenza di vegetazione al suo interno. Situazione pressoché analoga per il padiglione nei pressi della grande fontana centrale (che è ancora ingabbiata per il restauro), tra scritte e vetri bersagliati. E ancora la pavimentazione dissestata in più punti, la malandata targa intitolata all’ambientalista brasiliano Francisco “Chico” Mendes, senza dimenticare l’impianto di illuminazione guasto da anni che impedisce la fruizione dell’area verde non appena tramonta il sole, e l’annosa diatriba sui vialetti interni asfaltati che alcuni ritengono poco adatti per un giardino pubblico.

Ricordiamo che nel Piano triennale delle opere pubbliche si trascinano da almeno un quinquennio (e figurano anche nell’ultimo) la previsione di opere di restauro e recupero di giardino e parterre (costo preventivato un milione di euro) e il rifacimento dell'impianto di illuminazione pubblica dal valore di poco meno di due milioni, sebbene sull’utilità di quest’ultimi lavori l’amministrazione comunale è stata quantomeno perplessa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews