Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Peppino Impastato, il 5 gennaio sarebbero stati 72 anni
Cinisi lo festeggia: «Storia di libertà che ispira ancora»

L'appuntamento, che potrà essere seguito anche in diretta su Facebook, è per domenica a partire dalle 16.30, nell'ex casa Badalamenti. Ci saranno i famigliari, gli attivisti di Casa Memoria, gli amici e i compagni storici. «È il miglior modo di ricordarlo»

Redazione

Settantadue. Sarebbero state queste le candeline che, domenica 5 gennaio, avrebbe spento Peppino Impastato, se la mafia non lo avesse ucciso la notte del 9 maggio 1978. Un compleanno che, malgrado l'assenza fisica del militante, viene ogni anno ricordato e ugualmente celebrato non solo dai suoi famigliari e dagli amici storici, ma anche da chi, di quell'uomo, condivide ancora oggi ideali e battaglie. Così, come da tradizione, anche quest'anno il 5 gennaio sarà un'occasione per ricordare Peppino e la sua storia, e per fare insieme qualche bilancio. L'appuntamento è a partire dalle 16.30 di domenica nel salone dell'ex casa Badalamenti, bene confiscato e trasformato in un presidio cittadino di legalità. È qui che si riuniranno Giovanni Impastato, fratello di Peppino, e alcuni storici compagni e amici. L'incontro sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook di Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato.

Quest'anno a festeggiare Peppino ci sarà anche MeridioNews, che coordinerà gli incontri pomeridiani nell'ex casa Badalamenti. Il primo a prendere la parola sarà Giovanni Impastato, che dal '78 ad oggi ha portato avanti, insieme a mamma Felicia e al resto della famiglia, non solo gli ideali di Peppino, ma anche le battaglie per far luce su chi e cosa aveva portato al suo brutale assassinio. «Il miglior modo di ricordarlo è questo - osserva il fratello del militante -, riunendoci e parlando di lui. E dando la possibilità a chiunque di poterci raggiungere e di potersi unire a noi, anche solo virtualmente». Dall'impegno politico a quello contro la mafia, dagli anni della militanza e delle lotte a Radio Aut, ma ci sarà spazio per raccontare Peppino anche da un punto di vista più privato e personale, attraverso i rapporti con quella famiglia che non ha esitato a raccogliere il testimone e che ancora oggi si batte per una verità che, dopo 41 dalla sua morte, resta ancora lacunosa. 

Seguiranno i contributi di attivisti e attiviste di Casa Memoria. Sono i giovani che, ogni giorno, dedicano il proprio tempo e il proprio impegno per ricordare e raccontare chi è Peppino Impastato. E lo fanno da quella casa dove lui abitò, in corso Umberto a Cinisi, che all'indomani della sua morte, per volere soprattutto di mamma Felicia, ha aperto le sue porte a tutti, per non richiuderle più. Negli anni infatti quella casa è diventata vera e propria meta di pellegrinaggio per chiunque, gente del posto o di passaggio. Una tappa obbligatoria, dove si può ricordare Peppino tutti i giorni, non solo in occasione del triste anniversario del 9 maggio. Dopo i volontari, sarà la volta dei compagni e degli amici, che con lui hanno condiviso fianco a fianco gli anni delle lotte. «Siamo contenti di poterci collegare con i tanti amici ed amiche che ci seguono quotidianamente da tutta Italia tramite i nostri canali social, che vengono a trovarci appena possono alla Casa Museo e che, in particolar modo Giovanni Impastato, incontra durante le sue frequenti tappe in giro per tutto il territorio nazionale», dicono gli attivisti di Casa Memoria.

«Questo 5 gennaio Peppino avrebbe compiuto 72 anni, purtroppo la sua vita e la sua intensa attività di denuncia, lotta alla mafia, impegno culturale, sociale e politico dal basso sono state interrotte a causa del dominio mafioso - aggiungono -. Grazie a mamma Felicia, ai familiari e ai compagni, la voce e gli ideali di Peppino continuano a vivere e a crescere. Casa Memoria è aperta e ospita ogni giorno centinaia di giovani grazie all’impegno di una nuova generazione che, pur non avendo conosciuto Peppino, ne porta avanti le idee. Grazie a questo lavoro sono tanti i ragazzi e le ragazze che si ispirano al coraggio di Peppino e alla sua storia di libertà. Saremo contenti di ascoltare gli aneddoti e le parole di chi ha vissuto in prima persona questa vicenda tra le più importanti della storia della lotta alla mafia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×