Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Capodanno, ancora tensioni tra Consiglio e giunta
«Al Cep esclusi i neomelodici per non ghettizzare»

A Sala delle Lapidi si torna a discutere degli eventi scelti dal Comune per la notte di San Silvestro. A rispondere è il dirigente Verona: «Fino a metà novembre non c'erano le coperture finanziarie, ecco perché abbiamo diffuso un avviso non vincolante»

Andrea Turco

Foto di: GASPARE INGARGIOLA

Foto di: GASPARE INGARGIOLA

Tre giorni di lavori d'aula (con relativi gettoni di presenza), un confronto acceso tra il presidente del Consiglio comunale Giulio Tantillo e l'assessore alle Culture Adham Darawsha, una protesta delle opposizioni con tanto di cappellini di Natale: a Sala delle Lapidi il tema degli eventi legati al Capodanno deve aver appassionato particolarmente i consiglieri comunali, che hanno persino messo da parte le discussioni sui tanti regolamenti ancora da approvare - da quello sui rifiuti a quello sui dehors fino a quello sull'inclusività sociale.

Due saranno le manifestazioni che si terranno il 31 dicembre: una a piazza Giulio Cesare (di fronte la Stazione centrale) e una al Cep. Il Comune ha dichiarato di avere a disposizione 250mila euro per gli eventi della notte di San Silvestro. E se all'inizio le polemiche avevano riguardato la scelta del Cep, quartiere scelto dalla giunta Orlando perché «lì arriva il tram», negli ultimi giorni il Consiglio ha lamentato la scarsa trasparenza degli atti e l'assenza di coinvolgimento

«Ad oggi la Commissione Cultura - ribadisce la consigliera del M5s Viviana Lo Monaco - non ha ricevuto la copia dei verbali che dovevano essere materiale utile per la delibera in esame del Comune sugli affidamenti del Capodanno. Al di là del fatto che ci siano profili di legittimità o meno, il fatto di aver chiesto chiarimenti è normale. Si tratta pur sempre di fondi pubblici, che possono essere dati con una certa discrezionalità dalla giunta ma fino a un certo punto. Ritengo scandaloso che non abbiamo ricevuto gli atti richiesti. L'avviso di quest'anno era differente rispetto agli altri anni, perché piazza Politeama non è usufruibile per via dei cantieri. E mi risulta che neanche la sesta circoscrizione, dove si è scelto di tenere il concerto al Cep, sia stata coinvolta».

A rispondere alle domande dei consiglieri è Domenico Verona, capo area del settore Progettazione Strategica e Promozione Culturale. Sotto esame del Consiglio l'iter che ha portato alla delibera di giunta del 12 dicembre, con la quale il Comune ha affidato l'organizzazione delle due feste è stata la società PuntoeaCapo srl, diretta da Nuccio La Ferlita: in piazza Giulio Cesare si esibiranno Mario Biondi e i Babil On Suite, con la conduzione di Filippo Marsala; mentre nell’area antistante il giardino Giuseppe Impastato di San Giovanni Apostolo (o Cep) saranno protagonisti Nino Frassica&LosPlaggers Band e Lello Analfino&Tinturia, con la conduzione di Eliana Chiavetta. 

«Tra maggio e giugno è stato emesso il decreto Sblocca cantieri - ricorda il dirigente comunale -, con il quale è stata elevata la soglia per gli affidamenti diretti riguardanti le prestazioni artistiche uniche. Fino al mese di novembre non c'erano i soldi per le feste di Capodanno. Ecco perché il 15 novembre abbiamo diffuso un avviso esplorativo che, vista l'assenza di denaro, non era vincolante. E al quale hanno risposto 12 operatori. Che potessimo avere a disposizione 250mila euro ce lo ha detto l'assessore alcuni giorni dopo. Il mandato dell'amministrazione era che il concerto principale dovesse tenersi a piazza Giulio Cesare. Del concerto al Cep se ne è parlato dopo, e qui abbiamo escluso i concerti neomelodici proposti per non ghettizzare il quartiere». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews