Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Piscina comunale, ora nuovi spiragli sul pontone
Incontro col Comune: «Se passa la verifica si fa»

Lo ha detto il vicesindaco alle famiglie degli atleti che due anni fa avevano dato vita a una petizione per chiedere la struttura e che oggi sperano che si realizzi per tenere le gare. Il riscontro tecnico «tra fine gennaio, inizi di febbraio»

La piscina comunale di Palermo è tra gli impianti più grandi d'Italia. Ma purtroppo ancora è difficile sfruttarlo a livello agonistico anche perché manca all'interno una struttura, il pontone (un pontile mobile), che potrebbe garantire lo svolgimento delle competizioni. Dopo una attesa di quasi due anni oggi c'è stato un incontro tra il gruppo di dieci genitori degli atleti che aveva avviato una petizione a sostegno del pontone e dell’adeguamento delle tribune della piscina all’aperto, il vicesindaco di Palermo Fabio Giambrone e l'assessora alle Infrastrutture Maria Presitgiacomo. Il vicensindaco ha ammesso il ritardo nell'occuparsi della vicenda ma «bisogna superare le polemiche, visto che siamo all’avvio dell’iter di verifica, prevista a fine gennaio o al massimo all'inizio di febbraio, e l’importante è non fermarsi. Se il pontone supera la verifica, si fa. Non sono contrario alla struttura, ma un riscontro tecnico è necessario».

I genitori presenti hanno accolto con favore la notizia ma «non può però passare il messaggio che si proceda di sei mesi in sei mesi - dice Luciano Caddemi  - visto che dal 20 marzo 2018 aspettiamo il Pontone su promessa dell’allora Arcuri. Abbiamo nei due anni precedenti a questo incontro raccolto delle informazioni per cui per l'installazione del pontone, senza opere strutturali particolari, costerebbe nell'ordine da un minimo di 75mila a un massimo 100mila euro. L'impianto di Palermo è dotato di due vasche da 50 metri, una dentro e una fuori, come ce ne sono solo due e tre in tutta Italia. È paradossale, dentro non possiamo fare i regionali in vasca corta perché manca il pontone e fuori non possiamo farli in vasca lunga perché non c'è la tribuna». E Tommaso Battaglia, nominato referente per i genitori degli atleti rincara la dose: «Qual è il senso di spaccarsi la schiena come professionisti quando non c'è il riscontro agonistico e quando c'è devi fare 600 chilometri come minimo?». Senza contare le cosiddette gare-pollaio: «Sono state diminuite perché gli iscritti sono troppi - dice Francesco Sportaro -  Questo significa che gli atleti avranno minore possibilità di fare dei tempi utili per i campionati regionali o per  fare i tempi per quelli nazionali: su tre o quattro gare devono toglierne una e provare successivamente che in Sicilia vuol dire dopo un mese».  

I genitori raccontano che le società palermitane sono ancora più penalizzate in termini di distanze rispetto alle società catanesi e messinesi che possono andare in Calabria, «noi come minimo dobbiamo prenderci una nave per Napoli. A prescindere dal solo risvolto agonistico il Comune non può che avere dei vantaggi con circa mille persone che arriverebbero a Palermo tra gli atleti e le loro famiglie, con un indotto notevole in termini di spese in alberghi e ristoranti. Potrebbe rientrare nel circuito internazionale e nazionale». La presenza oggi dei giovani esordienti è significativa. Sono «al primo anno di nuoto - racconta ancora Battaglia - costretti già alla prima manifestazione di nuoto a doversi recare a Ragusa con una distanza 550 chilometri e 400 euro di spese. Erano in 100 da Palermo, cioè 40.000 euro spesi. Abbiamo pure suggerito di contattare FIN Sicilia, Sergio Parisi, che ha già dati tecnici per Catania. Sarebbe anche auspicabile andare a vedere come hanno fatto a Napoli Scandone, dove hanno una vasca da 50 metri del 1960, per mettere il pontone in meno di un mese. Un'esperienza fresca fresca, di ottobre 2019».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews