Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Casteldaccia e quella solidarietà al sindaco arrestato
M5s: «La corruzione mette in pericolo la democrazia»

Fa discutere l'immediato sostegno alla giunta Di Giacinto, attualmente ai domiciliari e sospeso dalla prefettura, da parte dei propri colleghi. Critico il deputato Luigi Sunseri: «La colpa è solo nostra, che continuiamo a dar fiducia a chi ci sta conducendo alla distruzione»

Andrea Turco

«Imbarazzante». È netto il giudizio di Luigi Sunseri, deputato regionale all'Ars per il M5s, in merito al sostegno che è arrivato con una nota ufficiale del Comune di Casteldaccia al sindaco Giovanni Di Giacinto e ad altre quattro persone, arrestate all'alba del 5 dicembre con l'accusa di aver creato un sistema di tangenti, attraverso affidamenti di incarichi o assunzioni di parenti e amici. Poco dopo l'azione dei carabinieri - che oltre il primo cittadino ha riguardato il vicesindaco Giuseppe Montesanto, l'assessore Marilena Tomasello, la funzionaria Rosalba Buglino e il geometra Salvatore Melino - già all'ora di pranzo del 5 dicembre il Comune di Casteldaccia aveva diffuso una nota.

«In questa triste giornata - si legge - il presidente del Consiglio, i consiglieri comunali e gli assessori, sgomenti e addolorati ribadiscono dove fosse necessario il massimo appoggio e l'incondizionata fiducia negli organi inquirenti, confidano nella più veloce risoluzione della vicenda cautelare che ha improvvisamente colpito il primo cittadino, gli assessori e il funzionario comunale. Nei loro confronti l'amministrazione e tutta la comunità di Casteldaccia, mortificata e addolorata, all'unisono esprimono grande sostegno morale e personale». 

E mentre ieri la prefetta di Palermo Antonella De Miro ha sospeso dalle proprie cariche i tre esponenti della giunta - che attualmente si trovano agli arresti domiciliari con le accuse di corruzione, abuso d’ufficio, falso materiale ed ideologico - sulla pagina Fb del Comune c'è già chi prende la distanza dalla nota. Come a dire che «tutta la comunità di Casteldaccia» non è forse così solidale. 

«Ma state scherzando - scrive ad esempio Dario - Non dite niente e basta. Eventualmente si prendono le distanze». Per Sergio «dimettersi per rispetto della comunità di Casteldaccia è questione di dignità». C'è anche chi invece ribadisce la vicinanza alla giunta Di Giacinto. Giusi propone «silenzio in attesa della verità e rispetto per chi soffre», mentre Giuseppe è sicuro che le accuse mosse dalla procura di Termini Imerese sarebbero «calunnie infamanti che da qualche anno qualcuno per fini politici ha messo in giro». 

In attesa dunque che i procedimenti giudiziari facciano il proprio corso, l'immediata solidarietà ai colleghi arrestati da parte dell'amministrazione di Casteldaccia innesca una più ampia riflessione di Luigi Sunseri. «Serve il coraggio di affermare -afferma il deputato pentastellato - che la corruzione mette in pericolo la democrazia, annienta il merito, calpesta la cittadinanza e i suoi diritti. E la colpa è solo nostra, che continuiamo a dar fiducia a chi ci sta conducendo alla distruzione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews