Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Pena scontata, da domani Dell'Utri tornerà libero
Ma resta lo spettro del processo sulla trattativa

Oltre ai procedimenti penali in corso a Napoli e a Milano, c'è anche quello di Palermo sul presunto patto stretto tra alcuni uomini dello Stato e i padrini di Cosa nostra. E che in primo grado è valso, all'ex senatore di FI, una condanna a 12 anni

Silvia Buffa

Foto di: ARCHIVIO

Foto di: ARCHIVIO

Da domani Marcello Dell'Utri sarà di nuovo un uomo libero. Scontata infatti la condanna a sette anni per concorso in associazione mafiosa. Si era tornato a parlare di lui già l'anno scorso, quando il tribunale di sorveglianza gli aveva concesso gli arresti domiciliari per via dei gravi problemi di salute di cui soffre. A sollevare la questione, all'epoca, erano stati non solo i suoi legali, ma anche il Garante dei diritti dei detenuti del Lazio, il quotidiano romano Il Tempo, la Cedu e i famigliari dell'ex senatore di Forza Italia. Da domani l'ex manager di Pubblitalia, oggi 77enne, potrà di nuovo lasciare la sua abitazione di Milano

Dopo una breve fuga in Libano, tentata alla vigilia della pronuncia della Cassazione che ha poi reso definitiva la condanna, è stato estradato in Italia, entrando definitivamente in carcere nel maggio del 2014. Ha scontato la sua pena prima a Parma, in regime di alta sicurezza, per essere poi trasferito a Rebibbia, a Roma. Le vicende giudiziarie che lo coinvolgono ancora oggi, però, sono diverse. Oltre a essere sotto processo a Napoli e a Milano con l'accusa di aver sottratto centinaia di libri antichi, è tra gli imputati del processo d'appello sulla trattativa tra lo Stato e la mafia a PalermoIn primo grado è stato condannato a 12 anni per minaccia a corpo politico dello Stato. Processo, questo, in cui per l'avvocato Di Peri, Dell'Utri non avrebbe dovuto essere nemmeno coinvolto in un secondo procedimento penale. 

Come aveva spiegato durante l'arringa finale pronunciata davanti ai giudici della corte d'assise di Palermo un anno fa, i fatti per cui l'ex senatore di FI è chiamato a rispondere sono gli stessi per i quali è stato già giudicato. «Il fatto è esattamente lo stesso e cioè l'esistenza di quel patto politico-mafioso che avrebbe visto Dell'Utri protagonista, ritenuto però inesistente da una corte d'appello e poi dalla Cassazione», aveva osservato il legale. Un «patto» già vagliato dai giudici, «identico - continua Di Peri - come identiche sono le fonti di prova, i testimoni, i documenti e i collaboratori di giustizia. In questo processo si è tornati sugli stessi identici temi del processo per il concorso esterno. Tutto già visto e sentito e smontato dalla corte d'appello e poi dai giudici romani».

La sentenza passata in giudicato che ha assolto Dell'Utri dal reato di concorso esterno in associazione mafiosa per le condotte successive al 1992 - la stessa che lo ha condannato a sette anni per le imputazioni precedenti a quell'anno - avrebbe reso impossibile, secondo l'avvocato, la celebrazione del processo sulla trattativa. Intano in primo grado ecco arrivare la condanna. Mentre di recente, nel corso del processo d'appello, i suoi legali hanno chiesto e ottenuto dalla corte la possibilità di citare come testimone l'ex premier Silvio Berlusconi. Che è stato nuovamente iscritto nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Firenze per le stragi di Roma, Milano, Firenze, e per quella mancata dell’Olimpico e per l’agguato a Maurizio Costanzo. 

Secondo la ricostruzione dell'accusa, all'epoca dell'ingresso del Cavaliere nella scena politica, Dell'Utri sarebbe diventato il nuovo tramite istituzionale dei boss di Cosa nostra, avvalendosi dei suoi rapporti con Vittorio Mangano, mafioso trapiantato in Lombardia e molto vicino a Berlusconi, per il quale lavorò anche come stalliere. E che, secondo quanto raccontato dal collaboratore catanese Francesco Squillaci, «scriveva telegrammi a Berlusconi, gli chiedeva aiuto per non essere più massacrato, solo che tornavano tutti indietro e lui poi li stracciava», ha raccontato il pentito alla stessa corte che dovrà giudicare Dell'Utri e gli altri imputati. Mangano avrebbe lamentato nelle sue missive sempre le stesse cose, «che stava male, che lo stavano facendo morire, che il 41 bis era durissimo, chiedeva di mandare qualcuno a fare un'ispezione. Mangano diceva a mio padre (Giuseppe Squillaci ndr) che Berlusconi era l'unica persona che poteva aiutare i mafiosi». Ma il giorno dell'esame, l'ex premier - sentito nelle vesti di testimone assistito - ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere, riducendo la sua visita all'aula bunker dell'Ucciardone a una veloce comparsata. 

E se a rompere il silenzio, nell'appello in corso a Palermo, fosse proprio Marcello Dell'Utri? Cosa direbbe l'ex senatore accusato di essere stato uno di quei mediatori sceso a patti con Cosa nostra, che con la mafia avrebbe preso accordi, mantenendo in piedi i rapporti coi boss e facendosi intermediario delle loro richieste? Spiegherebbe anche i «grandi rapporti di amicizia con i fratelli Graviano» di cui ha parlato, nemmeno due mesi fa, sempre il collaboratore catanese Squillaci? «Mio padre mi parlò di Marcello Dell'Utri, era quello che attraverso servizi segreti deviati aveva dato questa informazione su dove fosse Contorno. I Graviano e Dell'Utri avevano un'amicizia intima, era un loro amico importantissimo», ha raccontato infatti il pentito solo poche udienze fa. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews