Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, sono giorni Felici per i rosanero
Contro il Giugliano un successo pesante

La vittoria di misura ottenuta a Mugnano di Napoli grazie al secondo gol di fila dell'attaccante classe 2001 ha un notevole peso specifico soprattutto per il morale di una squadra che aveva bisogno di ritrovare certezze e piena consapevolezza dei propri mezzi 

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Ci sono vittorie che valgono più dei tre punti in palio. Il successo per 1-0 che il Palermo ha ottenuto a Mugnano di Napoli contro il Giugliano rientra in questa categoria trattandosi di un’affermazione che, al di là delle prospettive in classifica, ha un notevole peso specifico in termini soprattutto di morale e di autostima perché consente ai rosanero di ritrovare piena consapevolezza dei propri mezzi e quelle certezze che erano state scalfite dai due risultati deludenti che avevano preceduto la vittoria interna con l’ACR Messina. Peso specifico. E’ questo il parametro giusto per misurare lo spessore di ciò che, senza tifosi palermitani al seguito, hanno costruito gli uomini di Pergolizzi in terra campana.

La vittoria firmata Felici, autore al 36’ del primo tempo del terzo gol in questo campionato (il secondo consecutivo) con una conclusione a fil di palo propiziata da una indecisione in uscita del portiere, è particolarmente pesante. Nell’economia della stagione ma soprattutto per la dimostrazione di forza che ha dato la squadra. Era inevitabile, nell’ambito del confronto tra la formazione più prolifica tra le mura amiche con uno score di sei vittorie su sei e diciotto reti realizzate e la capolista supportata dal miglior rendimento in trasferta con cinque successi ed un pareggio, che una delle due serie si dovesse interrompere. Bravi gli ospiti a spostare l’inerzia dalla propria parte e a far sì che il cartello stop venisse collocato sulla strada della compagine campana, costretta ad ingoiare il boccone amaro della prima sconfitta interna in questo campionato coincisa con la prima gara allo stadio Vallefuoco senza reti all’attivo.

L’incisività del Palermo formato trasferta, sancita dal sesto successo esterno in questa stagione e da una continuità visibile anche attraverso la capacità di tenere la porta inviolata, non ha dato scampo neanche a una compagine temibile come il Giugliano. Confortante, in relazione alle aspettative che aveva Pergolizzi alla vigilia del match, la maturità con cui la squadra ha interpretato e condotto la partita. I rosanero, in campo inizialmente con un 4-3-1-2 (con Ambro a supporto di Felici e di un Santana pienamente recuperato) modificato in un 4-3-3 nel momento in cui è entrato Ricciardo nella ripresa, non si sono mai disuniti, hanno contenuto con lucidità le iniziative della formazione guidata da Agovino (attento il portiere Pelagotti nelle 3-4 occasioni in cui è stato chiamato in causa ed efficaci nelle letture i quattro componenti del pacchetto arretrato) e, contestualmente, non hanno mai rinunciato ad offendere.

Determinanti, in questo contesto, i guizzi di Felici, costante spina nel fianco della retroguardia campana. La permanenza in panchina dello scorso 17 novembre a Palmi ha ricaricato le batterie dell'attaccante romano classe 2001, decisivo domenica scorsa al Barbera e, anche in virtù di una brillante condizione fisica, letale pure oggi. Con il gol-vittoria che, sulla falsariga di sette giorni fa, ha impreziosito un’ottima prestazione caratterizzata da tanta corsa, dinamismo e movimenti che hanno mandato in tilt i meccanismi difensivi dell’avversario. Per il Palermo, a un passo dal titolo platonico di campione d'inverno, sarà più facile con una marcia in più affrontare curve e rettilinei del percorso orientato verso la serie C.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews