Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Corteo per il quarto sciopero globale per il clima
Per le vie dello shopping si celebra il block friday

A Palermo la manifestazione per il quarto sciopero globale per il clima vede la presenza degli studenti del Collettivo dei picciotti, che raggruppa diversi licei palermitani e la presenza forte e determinata degli studenti delle scuole che aderiscono a Si Resti Arrinesci

Redazione

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

A Palermo la manifestazione per il quarto sciopero globale per il clima vede la presenza degli studenti del Collettivo dei Picciotti, che raggruppa diversi licei palermitani e la presenza forte e determinata degli studenti delle scuole che aderiscono a Si Resti Arrinesci, movimento nato per portare avanti una campagna regionale per fermare l'emigrazione giovanile forzata dalla Sicilia. In occasione della 25esima Conferenza Onu sul Cambiamento climatico che si terrà a Madrid dal 2 al 13 dicembre, oggi in tutto il mondo si torna in piazza per ribadire ancora una volta l'urgenza e la necessità sempre più pressante di prendere delle soluzioni drastiche per salvare il pianeta e il futuro. Per le vie dello shopping  come via Ruggero Settimo, gli studenti celebrano il block friday, per accendere i riflettori sui profitti del capitalismo a discapito del clima.

La volontà è, dunque, quella di agire questa giornata globale traducendo sul piano territoriale quelle che sono le istanze relative alla difesa dell'ambiente e della salute, portando sotto le luci dei riflettori le criticità in cui versa la Sicilia. Difendere l'ecosistema planetario a partire dalla difesa delle risorse naturali della nostra isola; difendere il futuro dell'umanità intera a partire dalla salute della popolazione che vive in Sicilia. Leggere spopolamento e impoverimento dei nostri luoghi quali conseguenze di precise scelte e strategie operate nella gestione delle risorse. «Pensando all'ecosostenibilità del pianeta non posso non pensare al tasso di inquinamento presente nei nostri mari e nell'aria che respiriamo, a come viene affrontata l'annosa questione dello smaltimento dei rifiuti e a come i luoghi di casa mia vengano martoriati e impoveriti. Le trivelle, il muos, le discariche a cielo aperto e gli inceneritori riducono al minimo la qualità della vita degli abitanti, mettono a rischio la nostra salute e prosciugano le risorse ambientali», osserva Ludovica Di Prima, rappresentante del liceo Umberto I e parte attiva della campagna Si Resti Arrinesci.

«Affinché io possa avere la possibilità di vivere a casa mia, come minimo necessito che l'aria che respiro sia salubre e l'acqua che bevo non inquinata. Cosa che il modello di sviluppo sinora portato avanti non garantisce. Chi ci governa ha il dovere di garantire e tutelare la nostra salute e di vigilare su essa. Come più volte ribadito la nostra campagna punta a far smuovere qualcosa all’interno dei palazzi istituzionali ed elaborare proposte per un cambio culturale, economico e sociale. Ecco, l'elaborazione di un modello di sviluppo virtuoso per la Sicilia deve necessariamente partire dalla sua difesa e protezione; e tale processo deve vedere noi che vi abitiamo come i veri protagonisti. È per questo che siamo scesi in campo. Prendersi cura dei nostri luoghi significa prendersi cura di noi stessi e salvare la nostra isola dall'abbandono e dall'indifferenza, proprio per questo oggi insieme a tanti altri partecipiamo alla giornata regionale di cura dei territori siciliani e prendiamo parte alla riqualifica della foce del fiume Oreto, un luogo simbolo della nostra città». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews