Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Antonio Cutino, pittore delle contraddizioni del '900
A Villa Malfitano Whitaker una mostra per celebrarlo

Visitabile da oggi 27 novembre fino al 19 gennaio 2020, l'allestimento celebra il maestro italo-americano a 35 anni dalla scomparsa. In quella che lo stesso sindaco Leoluca Orlando ha definito «retrospettiva di un'intera città, più che solamente di un artista»

Francesco Lodato

«Uno sperimentatore che non ha mai tradito la propria indole». È soprattutto questo, nelle parole di Giacomo Fanale, il maestro Antonio Cutino, pittore italo-americano nato nel 1905 nel quartiere di Chelsea a New York. E che oggi Palermo vuole ricordare a 35 anni dalla sua scomparsa, con la mostra intitolata Antonio Cutino e la Palermo del ‘900: Nel segno della tradizione, visitabile da oggi 27 novembre fino al 19 gennaio 2020 a Villa Malfitano Whitaker. Promossa dalla stessa Fondazione Whitaker e dalla Fondazione Terzo Pilastro. Fanale, che ne è il curatore, lo racconta oggi come «un pittore che ha saputo cogliere le molteplici sfumature e contraddizioni del Novecento palermitano, ritraendo nei suoi quadri anche quei luoghi della città che oggi non esistono più». Suddiviso per blocchi tematici, l'allestimento va dai nudi di donna ai paesaggi, passando per le nature morte e i dipinti di stampo prettamente sociale.

«Due fondazioni ed una retrospettiva non di un artista ma di un’intera città - osserva il sindaco Orlando -. Cutino ritrae il cammino di una città lungo il corso del Novecento con notevole sensibilità artistica, raccontando Palermo sia attraverso i paesaggi che nei ritratti dei suoi volti, scendendo nella realtà sociale e nell’imprenditoriale del tempo anche attraverso i manifesti pubblicitari. Mi chiedo - dice, rivolgendosi agli organizzatori della mostra - quanto sarebbe interessante se le due fondazioni offrissero i propri spazi e capacità per sfruttare l’onda della mostra trasformandola nell’inizio di una visione e non in un evento singolo, magari esplorando la storia della città attraverso altri temi, per esplorare e cogliere il Novecento di Palermo». Un input che ha voluto lanciare il primo cittadino, dimostrando d'aver particolarmente apprezzato l'iniziativa.

«Amo la mia città d’origine e voglio gratificarla, ringraziarla per avermi dato dei natali che non dimentico - commenta anche il vice presidente della Fondazione Whitaker, Emmanuele Francesco Maria Emanuele -. Trovo che Villa Malfitano Whitaker e questa città siano profondamente magici, luoghi dotati di una bellezza inarrivabile nel mondo, che restano magnifici nonostante siano devastati dall’incuria. Palermo è luogo per vivere e per esistere, nel quale sono tornato dopo sessant’anni sperando di poter fornire delle risposte ai palermitani, sia in campo medico che sociale. Contribuendo anche con iniziative legate all’istruzione e alla cultura, per abbattere le barriere sociali che sussistono in questa città, aprendo un dialogo religioso e interculturale con i nostri vicini nel Mediterraneo, rapporti di fondamentale importanza in questo periodo storico».

«Questo è uno dei luoghi più affascinanti e magici della città - ribadisce il professore -, che speriamo diventi anche un luogo di cultura e istruzione, portando le scolaresche a visitare la mostra per insegnare loro l’arte di questo grande autore. Cutino è parte della mia memoria infantile e ho chiari in mente i ricordi di quando visitavo da bambino il suo studio. Ma è anche un siciliano, nato a New York per poi tornare in Italia e nella sua Sicilia. Parliamo di un autore poliedrico, le cui manifestazioni artistiche abbracciano tutti i campi in cui la pittura può esprimersi compreso, il paesaggismo sociale o la sensibilità verso l’attività economica e produttiva con i manifesti pubblicitari sacralizzati sotto forma di opere d’arte», conclude il professore. Facendo emergere non solo quel profondo legame emotivo con Antonio Cutino, ma anche i tratti fondamentali di un autore del Novecento siciliano che con le sue opere offre uno spaccato dei principali eventi storici che hanno caratterizzato Palermo. A partire dai paesaggi legati a luoghi andati persi in seguito all’infausto sacco di Palermo degli anni Settanta.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews