Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Corsa e intensità, è tornato il vero Palermo
E l'1-0 con il Messina sta stretto ai rosanero

Il successo di misura non rispecchia l'andamento di una gara che ad un certo punto la formazione di Pergolizzi ha dominato creando molte occasioni da rete. E l'emergenza con cui il tecnico ha dovuto fare i conti valorizza la prestazione offerta dalla squadra

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Risultato bugiardo. Non perché il verdetto del campo è ingiusto, anzi. Bugiardo perché l’1-0 con cui il Palermo si è imposto al Barbera sull’ACR Messina nella tredicesima giornata del Girone I del campionato di serie D sta abbastanza stretto alla compagine di Pergolizzi. Il successo di misura firmato Felici non rispecchia l’andamento di un match che i rosanero, una volta metabolizzata la trasformazione del copione preparato in precedenza alla luce dell’indisponibilità in extremis di Ricciardo (l’attaccante, alle prese con un virus intestinale, è entrato comunque nel segmento finale della partita) sostituito nell'undici iniziale da Kraja schierato prima come trequartista in un 4-3-1-2 e poi nel ruolo di mezzala destra, hanno dominato creando diverse occasioni da rete. Più di quelle costruite nelle due precedenti partite messe insieme.

La capolista, al cospetto di una formazione reduce da due successi di fila e rigenerata dalla mentalità offensiva trasmessa dal figlio di Zdenek Zeman - che in estate aveva indicato proprio il nome di Karel, palermitano, per la panchina rosanero quando gli è stato proposto dalla dirigenza il ruolo di direttore tecnico - era chiamata a dare determinati segnali dopo la sconfitta interna con il Savoia e il pari a reti bianche rimediato sul campo della Palmese ultima in classifica e le risposte fornite sono state convincenti. La squadra ha interpretato il match nella maniera giusta, ha applicato ciò che aveva preparato in settimana durante gli allenamenti (linee corte, compattezza e movimenti studiati ad hoc con l’obiettivo di eliminare gli sbocchi all’avversario) e, soprattutto nel secondo tempo, ha legittimato una superiorità visibile in particolare sul piano del palleggio e della condizione atletica. Se il portiere Pelagotti non ha dovuto compiere neanche un intervento è certamente colpa di un Messina inizialmente ordinato ma sterile nell’arco di tutti e 90 minuti e, nello stesso tempo, è anche merito dei padroni di casa. Lucidi e sempre sul pezzo.

Dopo un primo tempo caratterizzato nel finale da alcune decisioni arbitrali discutibili (sembrava netto un rigore non assegnato dal direttore di gara a Felici agganciato dal portiere Avella in uscita bassa), i padroni di casa sono rientrati sul terreno di gioco con lo spirito di chi voleva centrare l’obiettivo a tutti i costi. «Non possiamo non vincere questa gara, torniamo in campo e aggrediamoli». La sensazione è che i giocatori si siano caricati durante l'intervallo con questa frase e trasformando in energia positiva la rabbia accumulata nelle battute conclusive della prima frazione di gioco il gruppo ha portato a termine la propria missione. Che ha un valore doppio se si considera che il Palermo oggi era in emergenza, senza i due centrali difensivi titolari (Lancini e Crivello sono stati sostituiti più che degnamente da Accardi e Peretti, sempre puntuali in ogni chiusura) e con un Ricciardo a mezzo servizio in un reparto offensivo privo oltretutto dello squalificato Ficarrotta e dell’infortunato Sforzini, alter ego del bomber messinese.

Avere superato diversi ostacoli valorizza la prestazione dei rosanero, abili con le proiezioni degli esterni difensivi Doda e Vaccaro, con il dinamismo dei centrocampisti (Martin, Martinelli oltre a Kraja e Ambro che dopo circa venti minuti hanno invertito le posizioni) e con gli spunti in velocità di un Felici particolarmente ispirato, a prendere in mano le redini del gioco e ad esercitare gradualmente un controllo totale della gara. Un dominio, anche in relazione allo spessore dell'avversario di turno, impreziosito da una delle prove più brillanti offerte finora in questo campionato in termini di maturità, coralità della manovra e produzione offensiva.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews