Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Violenza sulle donne, il corteo di Non una di meno
«Contro il definanziamento dei centri antiviolenza»

Un monito per chi ancora sottovaluta la forza delle donne e che sottende un processo di trasformazione della società che sta cominciando. Il corpo è mio e lo gestisco io uno fra gli slogan che con forza si levano dal serpentone

Redazione

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Centinaia di donne sono scese in piazza a Palermo per manifestare contro la violenza di genere, non più disposte ad accettare stereotipi e discriminazioni. Sullo striscione di apertura la scritta Siamo rivolta! Un monito per chi ancora sottovaluta la forza delle donne e che sottende un processo di trasformazione della società che sta cominciando. Il corpo è mio e lo gestisco io uno fra gli slogan che con forza si levano dal serpentone.

«Ormai da anni siamo nelle piazze e nelle strade della nostra città a ribadire che i femminicidi sono la punta di un iceberg fatto di oppressione - dice Roberta Ferruggia di Non una di meno Palermo - La violenza maschile esiste nel privato delle case, ma pervade ogni ambito della società e diventa sempre più strumento politico di dominio producendo solitudine, disuguaglianze e sfruttamento. infatti una violenza pubblica, che legittima quella privata, che passa per il sabotaggio sistematico della libertà di scelta delle donne che, nella nostra terra, si realizza non solo attraverso l’obiezione di coscienza (che in Sicilia raggiunge l' 89 per cento) ma anche tramite altri dispositivi. Ci riferiamo allo smantellamento sistematico dei consultori operata dalle Regioni, alle scelte protocollari dell’Agenzia per il Farmaco che limitano fortemente la somministrazione della pillola abortiva RU486 e stabiliscono la non rimborsabilità della contraccezione, così come la recente esclusione della pillola del giorno dopo dai farmaci obbligatori nelle farmacie».

«Siamo scese in piazza in difesa dei centri anti-violenza oggi completamente definanziati - continua - Luoghi di autonomia e di libertà delle donne e per le donne, di accoglienza per le donne vittime di violenza e di resistenza all'avanzare di politiche patriarcali e sessiste. Oggi ci siamo prese le strade anche contro la violenza mediatica. "Gigante buono", "amore non corrisposto", "raptus di follia": così il giornalismo e i media trasformano l'ennesimo femminicidio in una soap di sangue e passione. Un racconto volto a criminalizzare la donna e farci empatizzare con il carnefice. A questa narrazione che negli spot rappresenta le donne sole, sempre livide e rannicchiate ne stiamo costruendo un'altra di donne forti, capaci di autodeterminarsi e di reagire. Donne solidali che insieme si organizzano come abbiamo fatto oggi nelle piazze siciliane di Palermo e Messina, nella piazza di Roma e in tutte le piazze del mondo invase dalle donne che lottano». 

Una volte giunte in piazza Pretoria le donne di Non una di meno Palermo hanno calato uno striscione dalla balconata di palazzo delle Aquile dove hanno scritto Risorse per consultori e centri anti violenza in Sicilia, una richiesta chiara e precisa alle istituzioni locali. Una richiesta che manifesta una grave lacuna nei servizi fondamentali.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×