Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tante «sardine politiche» nella piazza di Palermo
Nessuna bandiera, ma le tessere di partito ci sono

Tra migliaia di sardine in piazza Verdi a Palermo, anche diversi esponenti politici, amministratori locali, parlamentari o ex parlamentari. Tutti senza vessilli. «Quando le cose sono spontanee, bisogna viverle come tali»

Miriam Di Peri

Foto di: antonio melita

Foto di: antonio melita

Dal sindaco a diversi consiglieri comunali, fino a qualche parlamentare e tanti militanti e attivisti. La piazza di Palermo è senza bandiere, ma nei portafogli le tessere di partito sono diverse. Erano in migliaia, questa sera a Palermo (diecimila secondo gli organizzatori). Un fiume di gente armata di pesciolini di carta per dire di no al razzismo, alla xenofobia, alla politica dell'odio. Per dire a Matteo Salvini che non si sentono rappresentati dalle sue parole. Forse, semplicemente, per sentirsi meno isolati politicamente, in un momento storico in cui le dinamiche partitiche sono sempre più liquide.

Così ecco che in piazza Verdi a Palermo c'erano tanti amministratori locali, dirigenti di partito, volti noti della politica nel capoluogo. C'era il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, che anche sui social ha rivendicato la sua presenza, sottolineando che «Palermo è una città accogliente, quindi le sardine sono a casa loro. Questa è una città concretamente impegnata contro l'odio ed il razzismo, anche violando i decreti disumani e costituzionali promossi dall'ex ministro Salvini»

Diversi gli assessori, i consiglieri comunali, i rappresentanti delle circoscrizioni e gli ex inquilini di Sala delle Lapidi, da Giovanna Marano a Fabrizio Ferrandelli (+Europa), da Silvio Moncada (Italia Viva) ad Alberto Mangano, fino ad Aurelio Scavone, Rosario Filoramo (Pd), Barbara Evola (Sinistra Comune), Francesco Bertolino (Italia Viva), Rosario Arcoleo (Pd), Ninni Terminelli, Fabio Teresi (Pd), Fausto Melluso (Sinistra Comune). «Sono qui per ascoltare - dice Melluso - perché quando le cose sono spontanee bisogna viverle come tali. È bellissimo che tanta gente voglia stare in piazza, io sono qui per ascoltare».

E ancora, il magistrato ed ex senatore Peppino Di Lello, l'ex sindaco di Ustica, Attilio Licciardi, il coordinatore regionale di Democrazia e Lavoro Cgil, Saverio Cipriano, l'ex parlamentare Pd, Tonino Russo, i Partigiani Dem, l'ex segretario cittadino del Pd, Tony Costumati, il componente della segreteria di Rifondazione Comunista, Marco Giordano, le esponenti 5 Stelle Claudia La Rocca e Alessandra Costantino. «Questa piazza mi ricorda gli inizi del Movimento 5 Stelle - dice La Rocca - leggere il manifesto dei 10 punti mi ha emozionata. Io non lo so come e se si evolverà questa cosa, so che davanti a questo degrado culturale abbiamo il dovere di scendere in piazza per dire di no al fare politica soltanto per la ricerca del consenso».

I cellulari squillano all'inizio, poi è il black out sia delle linee telefoniche, che di internet. Si fatica a muoversi nella piazza, la sensazione è davvero quella di stare stretti come sardine. La gente prova a cercarsi in giro per la piazza, prova a telefonare. «Per fortuna non ci incontriamo - risponde qualcuno al telefono - siamo in troppi».

«Ovunque c'è un sentimento antifascista da coltivare - dice il sindacalista Cipriano - è doveroso farlo». «Vedo tantissima gente che prima non c'era, che io non conosco» aggiunge l'ex consigliere Scavone. Secondo il presidente della IV Circoscrizione, Silvio Moncada, si tratta di una «piazza importante, perché è la prima a riempirsi così in un territorio in cui non si vota o in cui era previsto un comizio di Salvini. A sinistra c'è chi critica le sardine? Per favore, smettiamo di fare i nemici della contentezza».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews