Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Grande festa al Barbera per l’Italia
La Nazionale asfalta l’Armenia 9-1

Allo stadio quasi 28mila persone hanno assistito all’ultimo impegno ufficiale degli Azzurri prima degli Europei. In gol Immobile e Zaniolo, doppietta per entrambi, e ancora Barella, Romagnoli, Jorginho, Orsolini e Chiesa

Luca Di Noto

Foto di: Luca Di Noto

Foto di: Luca Di Noto

In un Barbera vestito a festa, l’Italia ha ospitato l’Armenia nella decima e ultima giornata del girone J di qualificazioni a Euro 2020. Gli Azzurri hanno scelto Palermo per l’ultimo impegno ufficiale prima della competizione che prenderà il via da Roma il prossimo 12 giugno. E la Nazionale allenata da Roberto Mancini si è imposta con un secco 9-1, chiudendo il gruppo in testa alla classifica e a punteggio pieno. Ad assistere al match sugli spalti quasi 28mila persone per un incasso totale di 264mila euro. Pubblico coinvolto e coinvolgente: per l’intero arco dei 90 minuti, infatti, i tifosi hanno sostenuto la Nazionale. Il successo di questa sera si colloca di diritto tra le vittorie più larghe dell’Italia che nel 1928 aveva battuto per 11-3 l’Egitto e vent’anni dopo aveva avuto la meglio sugli Stati Uniti per 9-0.

Inizio arrembante degli Azzurri che sin dai primi istanti cercano di manovrare in zona offensiva. Il primo tentativo è di Chiesa al 5’, ma il suo destro si perde alto. Un minuto dopo, doppia occasione per gli ospiti, ma Sirigu dice di no prima a Babaryan e poi ad Haroyan. All’8’, Azzurri in vantaggio: sugli sviluppi di un calcio di punizione, il pallone finisce a Immobile che di testa mette in rete. Un minuto dopo, ecco il raddoppio. Ripartenza degli uomini di Mancini, Immobile lancia Zaniolo che a tu per tu con Airapetyan non sbaglia. E al quarto d’ora i padroni di casa sfiorano il tris: sinistro di Chiesa deviato da un difensore che per poco non finisce in rete. Al 22’, Armenia vicinissima al gol: Bonucci sbaglia un retropassaggio e lancia Karapetyan che con un pallonetto supera Sirigu, ma la traversa salva gli Azzurri. Che dall’altro lato si rendono pericolosi con Immobile, Zaniolo e Barella. Quest’ultimo però trova il tris mettendo in rete, con il destro, un lancio dalle retrovie al 29’. E due minuti dopo, Italia a un passo dal poker con Chiesa, che però colpisce il palo. L’Armenia prova a reagire, ma è puntualmente punita dalla ripartenza dei padroni di casa, Immobile scarta il portiere e deposita in rete. Timido tentativo di reazione degli ospiti con un sinistro di Hambartsumyan, blocca Sirigu. Prima dell’intervallo, c’è tempo per un altro legno, stavolta è il destro di Immobile a cogliere il palo al termine di un’azione manovrata. Si va così al riposo sul 4-0.

In avvio di ripresa, subito un cambio per Mancini, fuori Barella e dentro Orsolini. L’Armenia prova a ridurre le distanze con un destro di Kamo Hovhannisyan che finisce alto, dall’altra parte è Chiesa a rendersi pericoloso. Nuovo tentativo ospite al 53’ con un colpo di testa in mischia di Hambardzumyan bloccato da Sirigu. Con il punteggio già acquisito, i ritmi sono decisamente più blandi rispetto alla prima frazione, ma l’Italia va vicinissima al quinto gol con Chiesa, il cui destro a giro si infrange sul palo (terzo legno per gli Azzurri). Poco dopo è Orsolini a provare il sinistro, palla di poco a lato. Il quinto gol arriva comunque poco dopo con Zaniolo che, servito da Jorginho, spedisce il pallone sotto l’incrocio col sinistro. La reazione armena è tutta in un sinistro alto di Barseghyan. L’Italia però non accenna a fermarsi e al 72’ arriva anche la sesta rete: sugli sviluppi di un corner, Romagnoli approfitta di una corta respinta di Airapetyan e ribadisce in gol con un tap-in. E due minuti più tardi, Hovhannisyan stende Orsolini all’ingresso dell’area di rigore e l’arbitro concede il penalty e sul dischetto va Jorginho che non sbaglia. Poco dopo arriva anche l’ottavo con Orsolini che di testa mette in rete dopo un’azione ubriacante di Chiesa. L’Armenia a questo punto ha una reazione d’orgoglio al 79’ e accorcia con un gran destro di Babayan, ma Chiesa di testa riporta i suoi avanti di otto poco dopo su invito di Orsolini. Nel finale gli ospiti restano in dieci per l’infortunio di Babayan, ma la gara si è già chiusa da un pezzo.

Il tabellino

Italia (4-3-3): Sirigu (76' Meret); Di Lornzo, Bonucci (69' Izzo), Romagnoli, Biraghi; Tonali, Jorginho, Barella (46' Orsolini); Zaniolo, Immobile, Chiesa. A disp.: Donnarumma, Castrovilli, Florenzi, Belotti, Insigne, Acerbi, Mandragora, Bernardeschi, El Shaarawy. Ct: Mancini.

Armenia (5-4-1): Airapetyan; Hambartsumyan, Haroyan, Calisir, Ishkhanyan (69' Sarkisov), Hovhannisyan K.; Babayan, Grigoryan (60' Simonyan), Edigaryan (82' Avetisyan), Barseghyan; Karapetyan. A disp.: Beglaryan, Kasparov, Voskanyan, Manucharyan, Daniielian, Hovhannisyan A., Vardanyan, Harutyunyan. Ct: Khashmanyan.

Arbitro: Lopes Martins del Portogallo (Ferreira Pinto Campos-Mota Almeida)
Quarto uomo: Carvalho Nobre (Portogallo)

Marcatori: 8', 33' Immobile, 9', 64' Zaniolo, 29' Barella, 72' Romagnoli, 75' rig. Jorginho, 77' Orsolini, 79' Babayan, 81' Chiesa

Note: Ammoniti: Haroyan (A). Spettatori: 27.800 per un incasso di € 264.000.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews