Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mirri condanna la rissa dei tifosi rosanero a Palmi
«Mi sono vergognato e mi sono andato a scusare»

Intervenuto ad un evento dedicato alla Nazionale, il presidente del Palermo ha stigmatizzato la condotta di alcuni sostenitori presenti ieri nel settore ospiti dello stadio Lopresti. L'imprenditore, inoltre, ha illustrato il suo progetto agli esponenti federali

Antonio La Rosa

Foto di: Stadionews

Foto di: Stadionews

«Quelli non sono tifosi, mi sono vergognato». Netta la presa di posizione del presidente del Palermo, Dario Mirri, in merito alla rissa tra sostenitori rosanero scoppiata ieri durante l’intervallo nel settore ospiti dello stadio Lopresti di Palmi. L’imprenditore palermitano ha definito le scene di ieri «poco edificanti» in occasione dell’evento Comunicare lo sport. Il calcio e la sua Nazionale che si è tenuto oggi alla sede dell’Ordine dei giornalisti. Seminario dedicato al rapporto tra la comunicazione e la Figc e durante il quale, a proposito di azzurri, sono intervenuti gli ex attaccanti Paolo Rossi e Gianluca Vialli, neo-capo delegazione della Nazionale. Mirri, che ha illustrato il programma del gruppo Hera Hora agli esponenti federali, si è soffermato anche sui disordini di ieri in Calabria.

«Sono andato dal presidente e dal direttore della Palmese e mi sono scusato. Quei tifosi, che per me non sono tifosi e definirli tali è anche troppo, avevano i nostri colori ma non avevano nulla di quello che ci riguarda. Il Palermo - ha aggiunto riferendosi alla volontà di responsabilizzare la tifoseria, finita oltretutto nel mirino dell’Osservatorio recentemente per la condotta di alcuni supporters in occasione di due trasferte - ha chiesto alle autorità competenti di eliminare le barriere di divisione allo stadio. Abbiamo contattato il questore che si sta attivando seguendo determinate procedure. L’eliminazione di queste barriere, obiettivo che riguarda la città, sarebbe un orgoglio per me e anche per gli altri partecipanti. Abbiamo l’esigenza, attraverso dei punti cardine che ritengo fondamentali come il controllo, la trasparenza e l’appartenenza, che siamo ben altro rispetto a quello che si è visto ieri». 

Tra le idee del presidente, che ha sfruttato il contesto per raccontare anche alcuni aneddoti in chiave azzurra («Ero a Berlino in occasione della finale del Mondiale nel 2006 e mi hanno inquadrato con la maglia del Palermo. Ho ricevuto tantissimi messaggi»), c’è anche quella relativa alla realizzazione nel tessuto cittadino di una polisportiva. Con un unico tratto distintivo, il marchio Palermo: «Vorrei che i vari sport fossero collegati tra di loro attraverso degli elementi di base come il nome e i colori proprio per identificarli con la città di Palermo. Calcio femminile? È un settore in cui, a mio avviso, con degli investimenti contenuti potranno esserci importanti opportunità di crescita. Le nostre ragazze sono in C, una categoria avanti rispetto alla squadra maschile, e ieri (contro Dream Team Napoli, ndr) hanno vinto 6-1».

Nel corso dell’evento, inoltre, il segretario del settore giovanile e scolastico, Vito Di Gioia, ha aperto una finestra sul Progetto Rete promosso dalla Figc. Un’anticipazione (che Mirri ha sposato in pieno sottolineando che «a differenza di altri presidenti io opto per una squadra di italiani e non italiani. Palermo sarà sempre terra di accoglienza») della puntata clou andata in onda nel pomeriggio a Villa Niscemi. Era presente, in questo caso, anche il presidente federale, Gabriele Gravina: «Palermo è il cuore pulsante di questo splendido progetto che stiamo portando avanti dal 2015. Questa sesta edizione è all’insegna dei grandi numeri (2 mila le persone coinvolte, ndr) e del grande dinamismo di questa governance federale». Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco Leoluca Orlando: «Credo che l’espressione rete sia un risultato ma anche un metodo. Io sono per l’abolizione della parola migranti perché siamo tutti esseri umani e la Figc lo ha voluto dimostrare attraverso questo progetto». Che è rivolto ai ragazzi inseriti nel Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) e che ha l’obiettivo, in particolare, di promuovere il calcio come strumento idoneo a favorire l’eliminazione di barriere socioculturali.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews