Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Vivibilità centro storico, il percorso riprende dalle scuole 
La Ztl notturna «necessaria, anche con qualche modifica»

Dall'attenzione ai mutamenti della Kalsa fino ai ragazzi vittime delle droghe all'Albergheria, gli interventi vengono programmati con gli istituti del territorio. In un contesto che punta a migliorare la qualità della vita si incardina anche la zona a traffico limitato

Stefania Brusca

È ripreso oggi nella sede della prima circoscrizione il percorso tracciato per cercare di garantire la vivibilità del centro storico. Vivibilità che qui è sinonimo di regole certe, attenzione ai cittadini e alle categorie produttive, promozione della cultura e sicurezza. Dopo l'ultimo, acceso, consiglio in strada a piazza Marina, tenuto dare un segnale forte da parte della comunità a pochi giorni dall'aggressione di un giornalista tedesco, questa mattina si è deciso di trasformare le richieste del territorio esposte in occasione dell'assemblea in atti concreti. «Il clima è stato molto propositivo - afferma il presidente della prima circoscrizione Massimo Castiglia-  si è discusso su come intervenire sulla comunità della Kalsa. Per questo abbiamo esaminato la questione, partendo dal punto di vista della continuità educativa, insieme alla preside della scuola Ferrara e all'assessore Mattina e agli operatori culturali e sociali e diverse associazioni. Si è discusso su come la scuola può co-organizzare, con il Comune e con il territorio, interventi volti a sostenere un impegno in questo senso per tre anni, attraverso gli educatori legati al progetto Dappertutto. Inoltre stiamo ragionando su come provare a riaprire la ludoteca di piazza Marina nel giro di qualche mese».

«Il centro storico è la circoscrizione più piccola - sottolinea Castiglia -  conta dai 26 ai 28mila residenti ma c'è un continuo via vai di persone tra la popolazione della notte e chi viene qui per lavorare».Un tasto dolente, riferisce il presidente della circoscrizione, rimangono i regolamenti fermi in Consiglio comunale «che non permettono l'applicazione di una serie di politiche più facili da seguire per i cittadini come quello dei beni comuni, dell'inclusione sociale, dei dehors». Senza contare Il regolamento sulla videosorveglianza, dove Palermo è «uno dei pochi comuni che non ce l'ha, e questo crea molti problemi nel momento in cui i cittadini chiedono la sorveglianza di alcune aree sensibili, non solo per quanto riguarda la Ztl». E in tema di argomenti delicati si è affrontato oggi, insieme all'assessore Mattina quello delle tossicodipendenze e dei ragazzi vittime delle sostanze stupefacenti. «Nei prossimi giorni avremo un incontro al Regina Margherita. Il Comune sosterebbe la scuola per un bando volto ad attivare educatori che interverrebbero in primo luogo all'Albergheria, il quartiere più frequentato da adolescenti e, una volta messo a punto, si potrà  stabilire come replicarlo in altre aree». Si affiancherebbe così al lavoro delle forze dell'ordine, il recupero di questi ragazzi che a volte passano dal consumo allo spaccio pur di comprarsi le dosi. 

Ma per rendere vivibile il centro storico il tema della presenza asfissiante delle auto, soprattutto nel fine settimana, è un tema da affrontare. In questo senso va la Ztl notturna che nelle intenzioni di Giusto Catania dovrebbe partire dal 6 dicembre e interessare una fascia oraria che va dalle 20 a un orario ancora da definire. «Non ritengo sia un provvedimento contro qualcuno, contro la movida selvaggia o contro i commercianti o i locali notturni ma uno strumento necessario per migliorare la vivibilità del centro storico. Ovviamente parte in via sperimentale e saranno i fatti a confermare se si va in quella direzione o meno. Serviranno probabilmente delle modifiche come per le aree di sosta e il potenziamento del trasporto pubblico ma vedremo via via». 

Castiglia è consapevole che il provvedimento subirà dei necessari aggiustamenti ma questo non pregiudica la misura in sé: «Il top sarebbe di avere subito tutto quello che ci serve e in questo senso so che Amat sta facendo unno sforzo per incrementare alcune linee anche di notte». Per quanto riguarda invece i ristoratori «la sospensione all'ora di cena non si può fare, la gente si troverebbe intrappolata. Sarebbe invece utile che le categorie che rappresentano i commercianti attivino con Amat convenzioni per avere dei carnet di pass Ztl scontati che gli esercenti possano offrire al posto dell'amaro. Questo permetterebbe di avere un centro storico e una clientela serena di poter girare tranquillamente per le vie del centro. Senza contare che è meglio un'auto con cinque persone che cinque persone con cinque macchine diverse. Vanno cambiate le abitudini. Anche i locali notturni ne gioveranno, grazie a strade libere in caso di via di fuga. Sono convinto che più gente di adesso andrà in quelle zone per godersi il centro storico a piedi».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews