Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Appello trattativa, il giorno di Silvio Berlusconi
Aula blindatissima, ma l'ex premier non risponde

Il Cavaliere, sguardo alla Corte e spalle rivolte all'intera aula, si sottrae alle domande. A citarlo erano stati i legali della difesa di Marcello Dell'Utri, che avrebbero voluto domandargli, tra le altre cose, se lui abbia ricevuto o meno minacce da parte di Cosa nostra

Silvia Buffa

Foto di: Antonio Melita

Foto di: Antonio Melita

Completo scuro, passo calmo, sguardo alla Corte e spalle rigorosamente voltate al resto dell'aula, gremita per l'occasione. Eccolo Silvio Berlusconi, l'ex premier citato al processo d'appello sulla trattativa tra lo Stato e la mafia, che dopo una prima notifica andata a vuoto oggi si è presentato. Tanta attesa per nulla, però. Dopo pochi minuti, alla domanda di rito del presidente Angelo Pellino sulle sue intenzioni, Berlusconi si schiarisce la voce e replica subito: «Su indicazione dei miei avvocati intendo avvalermi della facoltà di non rispondere». Un esito ampiamente previsto da molti in aula. Per l'occasione si erano presentati tutti, dagli avvocati che spesso disertano le udienze di questo processo per seguirne altre, alla stampa che si era presentata già di buon mattino al completo, armata di microfoni e telecamere per immortalare ogni passaggio dell'occasione. Inutili, comunque, perché l'ex premier ha disposto immediatamente di non essere ripreso per alcuna ragione. 

A fare da sfondo uno stuolo di forze dell'ordine a presidiare ogni spazio, fuori e dentro l'aula bunker dell'Ucciardone. All'interno del quale il processo si era aperto, poco prima dell'ingresso di Berlusconi, con una richiesta della difesa di Marcello Dell'Utri. Quella di proiettare, a inizio esame del teste, un video con alcune dichiarazioni di Berlusconi rese alla stampa il giorno della sentenza di primo grado del processo trattativa, il 20 aprile 2018. «Riteniamo sia un fatto che quel giorno lui renda delle dichiarazioni su fatti di questo procedimento - spiega l'avvocato Centonze -, sostenendo che il governo Berlusconi nel '94 non abbia mai ricevuto minacce da parte di Cosa nostra, ribadendolo anche per i governi successivi sempre da lui presieduti». Richiesta rigettata però dalla Corte, dopo alcuni minuti di camera di consiglio: «La visione da parte del giudice non costituisce attività diretta di acquisizione della prova, quindi non deve essere visionato in fase di dibattimento. Si dispone comunque la trascrizione del documento audio in questione, a beneficio di tutte le parti». Già il pg Giuseppe Fici si era opposto pochi minuti prima: «Quest'aula non è uno studio televisivo - osserva il pg -, l'ex premier Berlusconi non ha rilasciato dichiarazioni ma un'intervista. Non credo che quanto detto a un giornalista possa essere alternativo a quanto potrebbe dire direttamente a questa Corte. Il documento video e audio in questione, comunque, è stato prodotto, può essere esaminato in qualunque momento, non c'è alcuna esigenza di proiettarlo qui oggi».

L'ex premier e fondatore di Forza Italia, indagato dalla procura di Firenze per le stragi mafiose del 1993, sarebbe stato sentito oggi come teste assistito e come tale avrebbe potuto avvalersi della facoltà di non rispondere. Citato dalla difesa di Marcello Dell'Utri (condannato a 12 anni in primo grado) - richiesta alla quale si è associata anche l'accusa -, il Cavaliere avrebbe dovuto deporre già il 3 ottobre, insieme all'ex pm Antonio Di Pietro. Ma nei giorni scorsi i suoi avvocati, Fausto Coppi e Nicolò Ghedini, avevano preventivamente fatto sapere che non ci sarebbe stato a causa di impegni istituzionali pregressi a Bruxelles. Con la stessa nota davano anche conferma delle indagini a carico dell'ex premier e degli episodi che gli vengono contestati dai magistrati di Firenze.

Secondo la ricostruzione dell'accusa, all'epoca dell'ingresso di Berlusconi nella scena politica, Dell'Utri sarebbe diventato il nuovo tramite istituzionale dei boss di Cosa nostra, avvalendosi dei suoi rapporti con Vittorio Mangano, mafioso trapiantato in Lombardia e molto vicino a Berlusconi, per il quale lavorò anche come stalliere. E che, secondo quanto raccontato dal collaboratore catanese Francesco Squillaci, «scriveva telegrammi a Berlusconi, gli chiedeva aiuto per non essere più massacrato, solo che tornavano tutti indietro e lui poi li stracciava», ha raccontato il pentito alla stessa corte che oggi ascolta l'ex premier. Mangano avrebbe lamentato nelle sue missive sempre le stesse cose, «che stava male, che lo stavano facendo morire, che il 41 bis era durissimo, chiedeva di mandare qualcuno a fare un'ispezione. Mangano diceva a mio padre (Giuseppe Squillaci ndr) che Berlusconi era l'unica persona che poteva aiutare i mafiosi».

Berlusconi, insomma, sarebbe tra i presunti protagonisti della trattativa fra lo Stato e la mafia, proprio nell'epoca in cui veniva fondato Forza Italia. Ma a tirarlo in ballo è stato involontariamente anche il boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, i cui sfoghi e racconti a un compagno di detenzione, il camorrista Umberto Adinolfi, sono stati intercettati dagli inquirenti. «Sa che io non parlo - diceva intercettato - perché sa il mio carattere e sa le mie capacità...pezzo di crasto che non sei altro, ma vagli a dire com'è che sei al governo, che hai fatto cose vergognose, ingiuste». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews