Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Via D'Amelio e l'eterno copione dei «non ricordo»
«Ormai sono passati 25 anni, non so cosa dire»

A parlare al processo di Caltanissetta sul depistaggio è Angelo Tedesco, ex del gruppo Falcone-Borsellino. Che ricorda solo oggi di aver partecipato ai sopralluoghi con Scarantino, diversamente da quanto detto nel 2016. Adesso rischia un procedimento a suo carico

Silvia Buffa

Nel ’92, dopo la strage di Capaci e quella di via D’Amelio, nel gruppo investigativo messo in piedi per indagare c’è pure l’agente Angelo Tedesco, prima in servizio alla Omicidi. Quello che, a sua insaputa, Scarantino chiama u francisi e che partecipa anche ai famosi sopralluoghi per Palermo col finto pentito. E di cui oggi l’ex agente sembra ricordare molto poco. «Io ero nell'autovettura di appoggio, stavo dietro insomma a quella dove c’era Scarantino - dice -. Di quei sopralluoghi mi ricordo la zona della Guadagna, altro non so, non ricordo strade, piazze, non sono di Palermo e da quella città sono andato via nel ’96. Sarà durata due orette quest'attività, in questa circostanza mi pare ci fosse La Barbera». E in altre? «Adesso non ricordo». E questa, nel giro di poco più di un’ora, è la risposta che ritorna più spesso. Tedesco non sa oppure non ricorda. Specie i commenti fatti all’epoca coi colleghi proprio sull’andamento e i risultati di quei sopralluoghi, di cui non ha alcuna memoria. Intanto, nel 2016 aveva negato di avere mai preso parte a un sopralluogo con finto pentito di via D'Amelio. Tre anni dopo ecco una versione diversa, con circostanze di cui si sarebbe ricordato solo di recente.

«Io ci tengo comunque a essere preciso - vuole sottolineare a un certo punto -. In questi tre anni ho cercato di ricordare il più possibile. Ho spremuto (le meningi ndr) più che possibile per cercare di ricordarmi. Fino a quell’epoca non ho neppure letto nulla sui giornali, solo dopo». E anche di quell’appellativo usato da Scarantino per riferirsi a lui avrebbe saputo proprio dalla stampa. «Anche oggi io non ricordo tante cose - insiste -, ma anche di altre indagini che ho fatto dopo, che ci posso fare? Prima di venire qui ho cercato di ricordami, ma la mia mente mi ha portato a tante altre cose» dice, quasi rammaricandosi davanti ai giudici di Caltanissetta, di fronte ai quali si celebra il processo a carico degli ex funzionari del gruppo Falcone-Borsellino Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, accusati di calunnia aggravata. Eppure, a forza di pensarci e ripensarci, qualche dettaglio sembrerebbe riaffiorare nella sua memoria. Siamo a circa sette-otto mesi fa, tra questi c’è ad esempio la circostanza legata alla ritrattazione di Scarantino al giornalista Angelo Mangano. «Perché non ha pensato di raccontare i nuovi ricordi affiorati alla procura?», chiede il pm Luciani. «Non lo so, non c’ho pensato onestamente».

«Dottore non capisco perché lei ce l’ha con me - sbotta a un certo punto Tedesco, rivolgendosi al pubblico ministero -. Non è una cosa semplice, le indagini si sono fermate nel ’94. Io lì ero l’ultima ruota del carro, non spettava a me fare relazioni né chiedere a un superiore se lo avesse fatto o meno e per quale motivo». Rispetto al servizio di protezione e gestione di Scarantino, poi, ricorda - contrariamente a quanto risulterebbe dai registri dell’epoca - di essere stato con lui solo per «cinque-sei giorni, non più di una settimana, mica un anno. Stavo principalmente fuori, se entravo dentro casa sua era per qualche minuto, niente di più. Sono passati 25 anni fa, non so cos'altro dire, non posso certo ricordarmi i minuti esatti lì dentro». Ma quel era il senso di quel servizio alla luce, soprattutto, del fatto che sia per Scarantino che per Candura e Valenti era prevista già di base una vigilanza esterna? «Non lo so, era così e basta. Dovevamo stare lì per qualunque esigenza, se Scarantino avesse avuto bisogno di qualsiasi cosa, c’eravamo noi».

Insomma, è un servizio di sorveglianza ulteriore di cui oggi nessuno sa spiegare appieno il motivo o un servizio di altra natura? Qualunque cosa sia stato, Tedesco oggi e altri suoi colleghi prima di lui sembrano aver tutti dimenticato la maggior parte dei dettagli di quei turni fianco a fianco col picciotto della Guadagna. Intanto, alla luce di tutti i «non ricordo» e delle versioni diverse fornite da Tedesco, a fine udienza il pubblico ministero ha chiesto al tribunale la trasmissione degli atti alla procura di Caltanissetta «per le valutazioni di competenza», ipotizzando i reati di falsa testimonianza o depistaggio. La Corte si è riservata, dovrà decidere se aprire o meno un procedimento a carico dell'agente. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews