Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Festa delle forze armate, l'invasione di piazza Verdi
Contestazione degli anarchici: «È giornata di lutto»

Di fronte al teatro Massimo i militari hanno messo in mostra le proprie eccellenze, raccontando di sè e delle funzioni svolte. Il sindaco Orlando: «Siamo grati per il loro impegno quotidiano a difesa della nostra sicurezza e dei valori di democrazia e libertà»

Andrea Turco

Militari col mitra e che danno lezione ai ragazzini sull'autodifesa, polizia scientifica che allestisce un set con tanto di manichino a mo di cadavere, camionette dei carabinieri e dell'aeronautica: c'erano tutte le forze armate a piazza Verdi, in occasione della festa nazionale che ricorda, 101 anni fa, l'armistizio italiano che portò alla fine della prima guerra mondiale. Una vera e propria invasione, quella di fronte al teatro Massimo e durata qualche ora, in cui le forze armate palermitane hanno messo in mostra le proprie eccellenze, raccontando di  e delle funzioni svolte e cercando - come nel caso dell'esercito, che aveva un apposito stand - nuovi volontari.

Una scelta, quella di concedere loro la piazza più nota e transitata della città, che non è andata giù agli anarchici e alle anarchiche di Sakalash. Che per l'occasione hanno inscenato una protesta colorata: vestiti e vestite con divise rosa, truccati e truccate come all'ultimo Palermo Pride, il gruppo di Sakalash ha diffuso volantini che sottolineavano come il 4 novembre «non è una giornata di festa ma un lutto», ricordando che «ogni anno in Italia ignobilmente e vergognosamente si celebra quella "vittoria" che fu un vero e proprio massacro di lavoratori uomini, alcuni dei quali erano poco più adolescenti: una vittoria pagata con 680mila morti, due milioni tra feriti, mutilati e prigionieri, tutti lavoratori mandati al macello contro altri lavoratori di altri paesi».

Mentre davanti al Massimo gli anarchici e le anarchiche manifestavano il loro disappunto, come ogni anno, in piazza Vittorio Veneto andavano avanti le celebrazioni davanti al monumento ai caduti. Al tradizionale alzabandiera hanno partecipato le principali autorità militari e civili cittadine, che insieme ai bambini delle scuole elementari di Palermo hanno assistito alla deposizione della corona di alloro davanti al ceppo commemorativo. Presente anche il primo cittadino: «Come ogni anno - ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando - siamo qui a testimoniare riconoscenza e ammirazione ai nostri caduti in guerra e nelle missioni internazionali di pace, e ci stringiamo alle donne e agli uomini delle forze armate, grati per il loro impegno quotidiano a difesa della nostra sicurezza e dei valori di democrazia e libertà».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews