Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Le stragi Falcone e Borsellino? Solo «un incidente sul lavoro»
Il disprezzo di Nicosia e l’idea di cambiare nome all’aeroporto

Arrestato con l'accusa di essere al soldo della famiglia mafiosa di Sciacca, l'esponente dei Radicali non risparmiava esternazioni sprezzanti sui giudici uccisi nel '92. L'indignazione di Maria Falcone: «Parole offensive che suscitano solo disgusto»

Silvia Buffa

«Bisogna cambiare il nome». Non usa mezzi termini Antonello Nicosia, mentre passa in auto davanti all’aeroporto di Palermo intitolato ai giudici Falcone e Borsellino. È l’11 febbraio e seduto di fianco a lui su quell’ennesima auto noleggiata c’è un collega di lavoro. Poche battute tra i due, che restituiscono tutto il «disprezzo», per dirla con gli investigatori, di Nicosia verso quei magistrati che combattono la criminalità organizzata. Ma otto mesi fa lui, insospettabile esponente dei Radicali italiani e direttore generale dell'Osservatorio Internazionale dei Diritti Umani onlus, non immagina nemmeno lontanamente che quella conversazione, come molte altre, è intercettata.

Arrestato questa mattina insieme ad altre quattro persone, è accusato di essere un uomo al soldo a tutti gli effetti della famiglia mafiosa di Sciacca: avrebbe approfittato dei colloqui in carcere per recapitare messaggi e informazioni al boss Accursio Dimino, Matiseddu. Uomo d’onore che avrebbe vantato rapporti con Totò Riina e Giovanni Brusca, ma anche con soggetti ritenuti vicini alla famiglia mafiosa italo-americana dei Gambino. Nicosia, per i magistrati, sarebbe stato «pienamente inserito» nell’organico di quella famiglia. A tal punto che avrebbe più volto incontrato Dimino chiedendo alla cosca interventi violenti per recuperare dei crediti da un uomo inserito nel contesto della criminalità organizzata saccense.

«All'aeroporto bisogna cambiare il nome eh! Bisogna cambiarlo», insiste. Lasciando perplesso il collega che è con lui, che rimane di sasso: «Non va bene Falcone e Borsellino? Dici perché evocano la mafia...», ipotizza a un certo punto. «Ma perché dobbiamo spiegare chi sono, scusami, perché dobbiamo sempre mescolare la stessa merda?», replica per tutta risposta Nicosia, gelando il collega che rimane in silenzio. E il cui turbamento però sembra passare inosservato. Tanto che Nicosia rincara la dose e continua a snocciolare ulteriori esternazioni e considerazioni su quei magistrati che dedicano la vita a lottare contro Cosa nostra. Anzi, proprio quei due in particolare, Falcone e Borsellino, uccisi nelle stragi di Capaci e di via D’Amelio nel ’92.

«Poi non è che è detto che sono vittime … di che cosa? Di … sono incidente sul lavoro, no?». Il collega che lo ascolta è, ancora una volta, interdetto, ammutolito. Balbetta una velata opposizione, ma Nicasio lo incalza. «Ma poi quello là non era manco magistrato quando è stato ammazzato Falcone - dice ancora -. Aveva già un incarico politico. Non esercitava. Scusa, perché non si dovrebbe chiamare Luigi Pirandello o Leonardo Sciascia visto che gli altri si chiamano Leonardo Da Vinci, Marco Polo, eh?». Non cogliendo neppure l’imbarazzo del collega che gli sta a fianco, che a questo punto lo asseconda, tagliando corto. «Eh? E che cazzo va, e che minchia ...», lo sfogo conclusivo.

«Le parole offensive di questo sedicente difensore dei diritti dei deboli suscitano solo disgusto - è, a caldo, il primo commento di Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso nella strage di Capaci -. Mi chiedo, alla luce di questa indagine se non sia necessario rivedere la legislazione in materia di colloqui e visite con i detenuti al regime carcerario duro. Non dimentichiamoci che lo scopo del 41 bis è spezzare il legame tra il capomafia e il territorio, recidere le relazioni tra il boss e il clan: scopo che si raggiunge solo limitando rigorosamente i contatti tra i detenuti e l'esterno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews