Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caro voli, i racconti di chi sceglie di tornare per Natale 
«Sono viaggi della speranza, ti chiedi se ne vale la pena»

Dopo l'abbandono di Vueling alle tratte per Roma, associazioni e politici denunciano una situazione intollerabile. Che però resta immutata da troppo tempo. Con un lato positivo: «Tra stereotipi e clichè, nelle difficoltà che ciascuno affronta ci si sente comunità»

Il Codacons si è spinto addirittura a parlare di «sequestro di persona», Federconsumatori ha puntato il dito sugli «incrementi di prezzi inaccettabili», il viceministro ai Trasporti Giancarlo Cancelleri l'ha definito «uno scandalo, vergognoso e inaccettabile». Come ogni anno, l'aumento del costo dei voli per la Sicilia (e dalla Sicilia) che si verifica da molti anni ha scatenato le rimostranze di cittadini, associazioni e classe politica. A dare il via alle polemiche, questa volta, l'abbandono delle tratte per Roma - da Palermo e Catania - da parte della compagnia aerea low cost Vueling.

Considerando l'assenza di un'adeguata rete ferroviaria per il treno e l'eccessivo dispendio di ore e carburante che comportano pullman, auto e navi, l'aereo resta infatti l'unico mezzo di trasporto da Roma in su. Come hanno testimoniato le associazioni a tutela dei consumatori, però, quest'anno gli aumenti dei biglietti per il periodo natalizio vanno da un minimo del 146 per cento a un massimo di oltre il 400 per cento. Ecco perché Cancelleri ha annunciato per questa settimana un incontro con «i dirigenti di Vueling, per capire i motivi per cui ha deciso di cancellare il volo Palermo-Roma, e quelli di Alitalia» (resta escluso Ryanair, notoriamente poco incline a trattative coi governi, ndr). Mentre la Regione Siciliana oggi dovrebbe presentare al ministero dei Trasporti la richiesta di continuità territoriale per gli aeroporti di Palermo e Catania.

Per coloro che vogliono tornare nel capoluogo siciliano e ricongiungersi alle proprie famiglie, intanto, non resta altro da fare che organizzarsi. Quasi nessuno, in realtà, ha atteso novembre per comprare i biglietti: perché se è vero che è difficile programmare con troppo preavviso le proprie ferie (per chi lavora) e il termine delle lezioni (per chi studia), è altrettanto certo che bisogna armarsi di pazienza, alla ricerca del prezzo migliore e del tragitto meno faticoso (quando è possibile). Abbiamo perciò scelto di riportare tre storie di emigrati palermitani, tra le decine che abbiamo ascoltato, che ben raccontano da una parte i disagi e le sofferenze, e dall'altra quel mix di resilienza e creatività che caratterizza la nostra Isola.

Salvatore vive a Milano con la moglie, anche lei palermitana. Due anni fa hanno allargato la famiglia con l'arrivo del piccolo Andrea. «Quest'anno ho speso 717,61 euro, tra andata e ritorno, per noi tre, portando solo il bagaglio a mano - racconta l'uomo - Trovo assurdo che se voglio fare vedere mio figlio ai nonni devo vendermi un rene o fare venti ore all'andata e venti al ritorno in macchina. L'anno scorso ho pagato 526 euro, ma avevamo imbarcato un bagaglio e il bambino non aveva ancora compiuto due anni e quindi pagava molto meno. Adesso, occupando un posto, paga tanto quanto un adulto e inoltre per risparmiare siamo tornati il 26 dicembre, perché nei festivi i biglietti costano meno».

Alessia, lavoratrice fuori sede, dopo diverse esperienze in giro, vive da due anni anche lei a Milano. «In realtà penso sia così da sempre - dice -, non trovo nessun cambiamento rispetto agli altri anni. Mi organizzo sempre per tempo e quest'anno ho pagato 180 euro tra andata e ritorno. Se dovessi farli ora pagherei 400 euro, ma era così anche cinque anni fa. Due anni fa non sono riuscita a fare i biglietti in tempo e per non pagare un rene ho dovuto prendere il treno: 19 ore, te lo raccomando», ironizza.

Denise vive a Trento da sette anni: dopo la laurea lavora come freelance nell'ambito della comunicazione. «Quando sono venuta qui non c'era nemmeno la tratta Ryanair, quindi figurati quante possibilità avevo di scendere - afferma - Quello di Natale è un viaggio della speranza, non si spendono mai meno di 250 euro. Il pensiero di ogni anno è se vale la pena spennarsi per tornare a casa. Molte volte sono scesa direttamente il giorno di Natale o il 31 dicembre, in questi giorni i voli costano meno perché ovviamente non li vuole prendere nessuno. Altre volte invece mi è sembrato di giocare a Tetris tra i vari mezzi di trasporto, quando magari le tariffe aeree erano salite troppo. Un anno ad esempio sono andata da Trento a Bologna con blablacar, da Bologna a Napoli con Flixbus, da Napoli a Reggio in treno, poi sono scesa a Reggio per arrivare a Messina col traghetto, e da lì l'ultimo treno fino a Campofelice. Un anno invece ho dovuto sobbarcarmi 22 ore di nave da Livorno, un'altra volta ancora sono scesa con blablacar da Verona insieme a una famiglia, e io ero quasi stipata tra le loro valigie». 

Disagi inaccettabili, resi possibili dalla sete di profitto delle compagnie e sui quali la classe politica, nonostante i mille annunci, non interviene in maniera adeguata. Eppure per Denise questi «viaggi della speranza» hanno quasi un lato positivo. «Ci riconosciamo subito in aeroporto, noi emigrati - sorride - Si forma un'atmosfera da esodati, piena di clichè e di insopportabili stereotipi: la valigia che parte vuota e torna piena di dolci, i discorsi mitologici sulle interminabili partite a carte, i soliti racconti su chi si è abbuffato di più. Ma allo stesso tempo, nel racconto delle difficoltà che ciascuno di noi affronta per tornare, ci si sente comunità».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews