Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Rap, nominato il nuovo direttore generale 
«Mio primo atto sopralluogo a Bellolampo»

Sono tante le sfide che attendono Francesco Li Causi, al comando di un'azienda in perenne stato di emergenza: dalla discarica al collasso alla differenziata al palo. Tra le priorità «la discarica e l'aggressione dei costi extra che stanno gravando sui conti»

Antonio Mercurio

È una sfida ardua, a voler essere realisti, quella che attende il nuovo direttore generale della Rap, Roberto Li Causi, appena nominato. Oltre all’incognita della settima vasca e al pasticciaccio dei conferimenti negati e dal rimpallo di camion tra Palermo e Catania, ora anche l’ultima tegola: la minaccia della fuoriuscita di percolato e la conseguente infiltrazione nelle falde acquifere. Un danno ambientale denunciato stavolta nel Rapporto Ispra sul danno ambientale in Italia, che ha mappato tutti i casi in Italia avvenuti tra il 2017 e il 2018. E per il quale è in corso anche un procedimento giudiziario al tribunale del capoluogo.

Sfide, quindi, che il neo direttore si troverà ad affrontare già da lunedì prossimo, quando prenderà ufficialmente servizio. Dopo le verifiche formali, curate dall'area risorse umane, e dopo gli adempimenti di rito con accertamenti di eventuali incompatibilità, Li Causi ha firmato il contratto e ieri ha già preso parte alla prima riunione convocata dal presidente Giuseppe Norata, assieme al consiglio di amministrazione ( Alessandra Maniscalco e Maurizio Miliziano), i dirigenti e il collegio dei sindaci per la presentazione ufficiale e l’immissione in servizio.

Tanti i temi trattati durante il primo tavolo ufficiale: dal ‘rompicapo’ Bellolampo ormai esaurita a polo impiantistico, dalla raccolta differenziata e ai ccr di prossima apertura. Proprio negli scorsi giorni il dipartimento regionale Acque e Rifiuti, su input diretto del presidente Nello Musumeci, ha prorogato al 30 ottobre la scadenza del bando per realizzare o ampliare i centri comunali di raccolta dei rifiuti (Ccr). Il termine ultimo era fissato per il 15 ottobre. E tra i Comuni che hanno chiesto la proroga c'è proprio il capoluogo siciliano. A riprova della consapevolezza dei gravosi impegni che lo attendono, come primissimo atto il neo direttore ha scelto proprio di visitare lunedì prossimo la discarica palermitana. 

Una scelta quasi dovuta, con i rifiuti palermitani finiti sotto la lente di ingrandimento dell'Arpa dopo essere stati respinti dalle discariche catanesi con i camion costretti a tornare indietro dalle discariche catanesi perché ritenuti non idonei. E la Regione costretta ai ricorrere ai forestali per vigilare sul fenomeno. «A stretto giro - ha detto Roberto Li Causi nel corso del tavolo - incontrerò singolarmente tutti i dirigenti per valutare una serie di attività ed aggredire in primis la problematica che sta investendo l’azienda riguardante la discarica e i costi extra che stanno gravando sui conti aziendali. Bisognerà rivedere l’organizzazione aziendale puntando sulle professionalità esistenti tenendo sempre presente che la Rap è una azienda pubblica al servizio dei cittadini che va salvaguardata ma nel contempo deve rendere qualitativamente».

Soddisfatto Norata per il quale con la nomina del direttore generale viene delineato e completato il management dell’azienda di piazzetta Cairoli: «Prima l’insediamento del Cda, poi la nomina del Direttore Generale, oggi la definizione di un percorso virtuoso che da, finalmente, a Rap una struttura apicale completa. Al nuovo direttore auguriamo buon lavoro nella consapevolezza - conclude il presidente - che lo attende un compito gravoso ma che, con un’adeguata propensione ad affrontare tutti i problemi che investono la gestione integrata dei rifiuti in capo a Rap, saprà affrontare con la giusta determinazione».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews